La prima donna ingegnere d’Italia? Al Politecnico di Torino nel 1908

emma-strada-prima-donna-ingegnere-italia-politecnico-torino-

La prima donna ingegnere d’Italia? Si chiamava Emma strada e il 5 settembre 1908 si laureò al Politecnico di Torino con il massimo dei voti.

 

EMMA STRADA, LA PRIMA DONNA INGEGNERE D’ITALIA

La prima donna ingegnere d’Italia? Al Politecnico di Torino nel 1908

La prima donna ingegnere d’Italia? Al Politecnico di Torino nel 1908

Erano gli anni in cui Torino diventa capitale dell’auto, con le prime case automobilistiche e la prima industrializzazione.

Il 7 settembre 1908 il quotidiano La Stampa annunciava «Emma Strada, sabato scorso, al nostro istituto superior Politecnico ha conseguito a pieni voti la laurea in ingegneria civile. La signorina Strada è così la prima donna ingegnere che si conti in Italia e ha appena altre due o tre college all’estero». Tale era la novità, si racconta che la commissione di laurea era indecisa se coniare un nuovo titolo e laurearla ingegneressa o ingegnere.

 

LAUREATA NEL 1908 AL POLITECNICO DI TORINO

Nel 1957 Emma Strada fondò l’Aidia (Associazione Italiana Donne Ingegnere e Architetto) con l’intento di promuovere e tutelare il lavoro delle donne nel campo della scienza e delle tecniche, favorire l’assistenza reciproca nel campo della professione, coltivare legami culturali e professionali con analoghe associazioni italiane ed estere. Morirà nel 1970 pochi mesi prima di presiedere a Torino la III Conferenza internazionale di donne ingegneri e scienziate.

 

OGGI 30% DI ISCRITTE DONNE

Emma Strada verrà ricordata soprattutto per ciò che in prima persona ha rappresentato, abbattendo i muri della diffidenza e delle convenzioni. Da quel 1908, ben 100 anni fa, il numero di donne ingegnere e architetto in Italia è tra i più alti d’Europa, di molto superiore a paesi quali Francia e Inghilterra. Secondi i dati del 2017, al Politecnico di Torino, le iscritte sono quasi il 30% del totale e la stessa proporzione si ritrova nel corpo docente. Per quanto riguarda il personale tecnico amministrativo, invece, le donne hanno da tempo effettuato il sorpasso sui colleghi uomini, con il 60% di presenze femminili.

@82valentinas

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.