Siae suona il Made in Italy: al fianco degli artisti per promuovere l’export

made-italy-siae-musica-export

Siae suona il Made in Italy e lancia due call di finanziamento dedicate agli artisti per lo sviluppo e la promozione di tour all’estero, e agli operatori, per la partecipazione a showcase festival e fiere internazionali.

 

SIAE SUONA IL MADE IN ITALY

Siae suona il Made in Italy: al fianco degli artisti per promuovere l’export

Siae suona il Made in Italy

Le call 2018 rientrano nella strategia di Italia Music Export powered by SIAE di supporto all’internazionalizzazione della musica italiana attraverso sostegni economici e strumenti utili alla diffusione della nuova creatività musicale made in Italy. «Quest’anno – commenta Filippo Sugar, presidente Siae – abbiamo stanziato un contributo di 50mila euro per promuovere i concerti all’estero di artisti e band italiane e per incentivare la partecipazione dei nostri professionisti dell’industria musicale a showcase, workshop e conference festival».

 

AL FIANCO DEGLI ARTISTI PER PROMUOVERE L’EXPORT

Il boost servirà a sostenere i tour internazionali degli artisti italiani e la promozione delle loro date all’estero, oltre che a contribuire alle spese che gli operatori italiani (etichette, editori, manager, agenzie di booking, distributori) affrontano nel partecipare agli appuntamenti strategici per l’industria musicale fuori dall’Italia.

 

MUSICA MADE IN ITALY NEL MONDO

La call artisti prevede due fasi: la prima resterà aperta fino al 25 febbraio, mentre la seconda dal 2 maggio al 4 giugno 2018. Nella call operatori si possono inoltrare le richieste fino al 25 febbraio. Le risorse disponibili saranno ripartite per il 70% ai beneficiari della call artisti e per il 30% alla call operatori. Le proposte progettuali saranno valutate da una apposita commissione indipendente di esperti che stilerà le graduatorie di merito.

@BusinessPmi

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.