200 abiti (da Gucci a Prada): a palazzo Pitti il museo effimero della moda

palazzo-pitti-firenze-museo-effimero-moda-pitti-immagine

Duecento abiti da collezione griffati da grandi firme italiane come Gucci, Armani, Dolce & Gabbana, Valentino e Prada. A palazzo Pitti a Firenze nasce il museo effimero della moda.

 

A PALAZZO PITTI MUSEO EFFIMERO DELLA MODA

200 abiti (da Gucci a Prada): a palazzo Pitti il museo effimero della moda

A palazzo Pitti nasce il museo effimero della moda

Nel giorno di apertura della 92esima edizione di Pitti Uomo (in programma dal 13 al 16 giugno 2017 a Firenze), lo storico palazzo inaugura la mostra Il museo effimero della moda (prodotta da Pitti Discovery, Gallerie degli Uffizi e palais Galliera).

Si tratta di una mostra (curata da Olivier Saillard e visitabile fino al 22 ottobre 2017) che presenta alcuni pezzi pregiati della storia del costume dall’Ottocento fino ai giorni nostri: 200 esemplari, tra abiti e accessori, creati dalle sartorie più importanti e dagli atelier di moda più prestigiosi (tra Firenze, Roma, Milano, Parigi, New York) dislocati in 18 sale della galleria del costume di palazzo Pitti.

 

200 ABITI, DA GUCCI A PRADA

«Ancora una volta palazzo Pitti – commenta Eike Schmidt, direttore delle Gallerie degli Uffizi – accoglie una mostra che indaga i meccanismi della moda e riflette sul suo senso profondo. Ed è un evento doppiamente importante: il museo effimero, infatti, costituisce l’occasione di aprire gli archivi e offrire ai visitatori un nuovo punto di vista sulle collezioni e sugli spazi della galleria del costume e della moda, che in questo modo porta a compimento il processo di evoluzione verso lo status di museo della moda di palazzo Pitti».

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Bimag QUOTES

1 / 20
2 / 20
3 / 20
4 / 20
5 / 20
6 / 20
7 / 20
8 / 20
9 / 20
10 / 20
11 / 20
12 / 20
13 / 20
14 / 20
15 / 20
16 / 20
17 / 20
18 / 20
19 / 20
20 / 20

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.