L’abito fa il capo. Lo insegna Otzi: suoi i leggins di pelle più antichi

 

I leggins, dunque, non sono un’invenzione della stilista Patrizia Field ispiratasi a Emilio Pucci?

I leggings moderni

Leggings di oggi

«Niente affatto, i leggins sono antichissimi. Quelli di Ötzi sono i leggings più antichi al mondo: ebbero tanta fortuna che gli indiani del nord-America li indossavano ancora nel Ventesimo secolo. I pantaloni più antichi di cui abbiamo notizia appartengono invece a un re dell’antico Iran, raffigurato in un vaso d’argento del 2100 avanti Cristo. Solo più tardi troviamo i pantaloni in pelle, appartenuti al capo di una popolazione di nomadi cinesi, sepolto in un tumulo del 1300 avanti Cristo».

 

Qual è la verità sul giallo della morte del “giovane” Ötzi?

Otzi al museo archeologico dell’Alto Adige (Harald Wisthaler)

Otzi al museo archeologico dell’Alto Adige (Harald Wisthaler)

«Giovane non era. La sua età, 46 anni, va giudicata ragguardevole per il suo tempo e suffraga l’idea che si trattasse di un capo. La verità sulla sua morte è difficile da stabilire con certezza: se è certo che morì per una freccia alla spalla dopo uno scontro armato, la teoria ufficiale è che cadde ferito a morte ad alta quota e che il suo corpo fu prima rapidamente disseccato dal vento e successivamente coperto da neve e gelo. Altri ritengono che, alla sua morte, il passo del Tisenjoch fosse gelato e che solo in seguito, in primavera inoltrata, il suo corpo sia stato portato lì per essere sepolto in una ricca tomba. Ma le ricerche e le discussioni continuano».

 

A 17 anni dalla sua esposizione Ötzi ha richiamato oltre 4 milioni di visitatori: il museo archeologico dell’Alto Adige non potrebbe aspirare a far parte del patrimonio dell’umanità?

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 123

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.