Altro che sushi: i giapponesi mangiano la bresaola 100% Made in Italy

bresaola-made-italy-export-giappone

Altro che sushi. In Giappone si mangia la bresaola 100% Made in Italy.

 

I GIAPPONESI MANGIANO LA BRESAOLA

Il Giappone, infatti, apre le porte alle esportazioni di bresaola tricolore. Le autorità del Paese del Sol Levante danno il via libera all’export in terra nipponica di prodotti italiani di carne bovina realizzati con materia prima nazionale. Il via libera del Giappone riguarda, nello specifico, circa 250mila bresaole con carne italiana (prodotte a regime grazie all’accordo tra Filiera Agricola Italiana promossa dalla Coldiretti e Rigamonti Spa).

 

250MILA BRESAOLE VOLANO IN GIAPPONE

Altro che sushi: i giapponesi mangiano la bresaola 100% Made in Italy

In giapponesi mangiano la bresaola

Nei primi nove mesi del 2017, l’export di prodotti alimentari Made in Italy in Giappone è aumentato del 40%. «L’apertura di nuovi mercati – commenta Franco Moro, presidente del consorzio di tutela della bresaola della Valtellina – è per noi uno stimolo a crescere ulteriormente. Confidiamo che anche altri importanti Paesi terzi, che da anni vietano l’importazione di prodotti bovini dall’Italia, seguano presto l’esempio del Giappone. I nostri produttori ora dovranno abilitare gli stabilimenti all’esportazione in Giappone rispettando la procedura concordata con le autorità nipponiche».

 

RECORD STORICO PER IL MADE IN ITALY ALL’ESTERO

È record storico per il Made in Italy agroalimentare all’estero: per la prima volta le esportazioni di prodotti food tricolore superano i 40miliardi di euro nel 2017, con un effetto di crescita tra il 7% e il 9% sui mercati stranieri. In particolare, sono i prodotti classici dell’eccellenza italiana a spingere le esportazioni: vino, salumi e formaggi in primis. «L’aumento dell’export – commenta Denis Pantini, responsabile dell’area agroalimentare di Nomisma agrifood monitor – unito a un consolidamento della ripresa dei consumi alimentari sul mercato nazionale (+1,1% le vendite alimentari nei primi 9 mesi di quest’anno rispetto allo stesso periodo del 2016) prefigurano un 2017 all’insegna della crescita economica per le imprese della filiera agroalimentare».

@82valentinas

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.