L’autostrada è un cantiere ma il pedaggio aumenta: +4,60% Torino-Milano

pedaggio-autostrada-rincari-2017

Nel business tradizionale funziona così: prima viene consegnato il lavoro, poi viene saldato il conto. Sull’autostrada Torino-Milano, A4, va diversamente: cantieri ancora aperti, all’altezza di Novara, e aumento del pedaggio del 4,60% a partire dall’1 gennaio 2017.

 

DECRETO DEL GOVERNO: AUMENTO DEL 4,60%
Nuovi aumenti nel 2017 sull'A4 Torino-Milano

Nuovi aumenti nel 2017 sull’A4 Torino-Milano

Tutto previsto con decreto del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, di concerto con il ministro dell’Economia e delle Finanze, scrive la società concessionaria Satap del gruppo Gavio sul portale, aggiungendo: «Altre possibili variazioni sul pedaggio finale potrebbero derivare, oltre che da aumenti praticati da alcune concessionarie interconnesse, anche dall’arrotondamento unico per eccesso o per difetto ai 10 centesimi di euro».

Non è l’unica tratta autostradale ad aver visto un ritocco, ma è la seconda autostrada italiana per incremento di pedaggio: a battere la Torino-Milano solo la Brebemi, con un aumento del +7,88%.

 

LAVORI DAL 2002: 5205 GIORNI DI SLALOM GIGANTE
Per i Giochi olimpici invernali di Torno 2016 furono avviati i lavori di ammodernamento dell'autostrada A4

Per le Olimpiadi di Torino 2006 furono avviati i lavori di ammodernamento dell’autostrada A4

L’aumento del 2017 segue quello, altrettanto corposo, attuato l’anno scorso: +5,7% nel 2016. Allora, come oggi, la Torino-Milano era una slalom tra i cantieri avviati in vista dell’apertura dei Giochi olimpici invernali del 2006 e della realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità.
Per garantire una maggiore partecipazione di pubblico alle gare organizzate a Torino, Cesana, Pinerolo, Pragelato, Sauze, Sestriere e Bardonecchia, il 18 ottobre 2002 furono avviati i lavori di adeguamento dell’intero tracciato autostradale. Il tratto tra Torino e Novara fu completato nel 2013. Dopo 5205 giorni i cantieri tra Novara e Milano sono ancora aperti.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.