Bertoli (AnnRose): i miei gioielli? Nascono grazie all’odontotecnica

gioielli

Denti e gioielli. Possono avere qualcosa in comune? Se in automatico si sarebbe portati a puntare sulla risposta negativa, bisogna prima sentire cos’ha da raccontare Anna Bertoli, titolare di AnnRose, un laboratorio artigianale con sede a Grumello del Monte, nella Bergamasca.

 

LO STESSO ACCIAIO CHE SI USA PER LE ARCATE DENTARIE

«Realizzo gioielli artigianali in oro e argento e prodotti di alta bigiotteria utilizzando i metalli più comuni, come rame e ottone», spiega a BiMag che la incontra tra gli stand di Hobby Show, la fiera sulla creatività che si è conclusa ieri a Fiemilanocity. Fin qui nulla di nuovo. Ma una chiosa quasi sussurrata fa alzare subito il livello di attenzione: «Mi piace molto utilizzare anche metalli alternativi, tipo il Biosil». Scusi? «Sì, il Biosil. È l’acciaio che viene utilizzato nelle protesi delle anche e delle arcate dentarie». E cosa c’entra con i gioielli? «È l’unico acciaio che ha un certificato di biocompatibilità, ciò significa che non esiste alcun caso registrato al mondo di intolleranza. E d’altra parte non potrebbe essere altrimenti, visto che viene inserito all’interno del nostro corpo».

 

CARATTERISTICHE SIMILI ALL’ORO E PREZZO DELL’ARGENTO
anna-bertoli-gioielli

Anna Bertoli, la titolare del laboratorio AnnRose

E se può stare “dentro” senza creare problemi, perché non utilizzarlo anche “fuori”? Le caratteristiche di questo materiale sembrano adattarsi bene al “cambio di campo”. «È un acciaio eccezionale perché non muta colore – spiega Bertoli mentre fa roteare, tipo dadi da gioco, due cilindretti di Biosil nel palmo della mano destra –. In generale tutti gli acciai non cambiano colore, ma questo resta inalterato nel tempo sin dal momento della prima lucidatura. Sia che il gioiello sia portato sempre addosso, sia che non venga mai utilizzato». Ma il vero valore aggiunto è dato da un’altra caratteristica. «È resistente, non si spacca certo al primo urto. E anche la reazione in ambienti “ostili”, come l’acqua marina o quella sulfurea delle aree termali, è ottimale. Nessuna alterazione. Con questo materiale creiamo gioielli eterni».

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Bimag QUOTES

1 / 20
2 / 20
3 / 20
4 / 20
5 / 20
6 / 20
7 / 20
8 / 20
9 / 20
10 / 20
11 / 20
12 / 20
13 / 20
14 / 20
15 / 20
16 / 20
17 / 20
18 / 20
19 / 20
20 / 20

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.