Calia Italia, l’azienda di Matera che disegna i Sassi su pouf e divani

Ci sono aziende che portano il territorio di provenienza dentro i loro prodotti. Ma sono pochi quelli che lo valorizzano tanto quanto Calia Italia, l’azienda più antica del distretto del mobile imbottito della Basilicata, fondata a Matera nel 1965.

Quest’anno al Salone del Mobile Calia Italia ha presentato una serie di pouf dedicati alla città prossima capitale della cultura: su ognuno di essi sono stampati i celebri Sassi che hanno reso la città famosa in tutto il mondo.

 

 

CALIA ITALIA E MATERA, LA TERRA D’ORIGINE SEMPRE PRESENTE

I pouf di Calia Italia con i Sassi di Matera

I pouf di Calia Italia con i Sassi di Matera

Al Salone del Mobile Calia Italia ha costruito un «percorso simbolico – spiegano – alla scoperta della terra d’origine». Sono tutti pouf rivestiti in velluto stampato con i Sassi di Matera: ce n’è persino uno che richiama i componenti della famiglia materana e prende i loro nomi a seconda della dimensione.

Il più grande si chiama Tate (il papà), quello medio Mom (la mamma) e il più piccolo Criatir (il bambino). Su di essi è sempre stampata la murgia materana, su un tessuto in edizione limitata che è stato utilizzato anche per altri prodotti già presenti nella collezione di Calia Italia, come i divani Rosemary – presentato anche lui quest’anno – e Modula.

 

UN PROGETTO NATO CON LA SCUOLA

La linea di pouf con i sassi di Matera si chiama Macarons ed è nata da una collaborazione con gli studenti di una scuola superiore della città, l’Istituto Isabella Morra, in un progetto di alternanza scuola-lavoro (i famosi stage in azienda per gli studenti). Tutti questi prodotti sono «una testimonianza di amore e riconoscenza di Calia Italia verso Matera, dove l’artigianalità, la tradizione e la bellezza delle origini sono alla base del DNA del nostro brand». Un territorio meraviglioso portato con orgoglio nei salotti delle case.

@BusinessPmi

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.