Caserta, reggia del cinema: ciak per Spielberg (dopo Lucas e Howard)

reggia-caserta-steven-spielberg-cinema-

Caserta reggia del cinema: a maggio il regista Steven Spielberg vola verso il palazzo vanvitelliano per girare alcune scene del suo prossimo lavoro dedicato alla storia vera di Edgardo Mortana, bambino ebreo rapito da Papa Pio IX.

 

CASERTA REGGIA DEL CINEMA PER SPIELBERG

Caserta reggia del cinema per Spielberg (dopo George Lucas e Ron Howard)

Caserta reggia del cinema per Spielberg

Il regista premio Oscar trasferisce il Vaticano all’interno della Reggia di Caserta: The Kidnapping of Edgardo Mortana, ovvero Il rapimento di Edgardo Mortana, prende spunto da una vicenda avvenuta durante il Risorgimento italiano.

Siamo nella Bologna del 1858: un bambino ebreo di sei anni, Edgardo Mortana appunto, viene battezzato da una domestica, all’insaputa dei genitori, modesti mercanti. La donna lo credeva malato e a rischio di morte imminente. All’epoca lo Stato Pontificio imponeva un’educazione cattolica a tutti i battezzati: i genitori persero la patria potestà e Edgardo venne rapito e condotto a Roma in un collegio. Il caso aprì un vero e proprio scontro politico: il bambino è passato alla storia come rapito da Pio IX (che sarà interpretato nella pellicola da Mark Rylance).

 

SPIELBERG PORTA IL VATICANO A CASERTA

Tratto dal libro di David I. Kertzer (edito in Italia da Rizzoli con il titolo Prigioniero del Papa re), il film è sceneggiato dal commediografo Tony Kushner (già accanto a Spielberg per i film Munich e Lincoln). Per le riprese, Spielberg ha scartato Bologna dove Edgardo nacque nel 1851: oltre alla reggia di Caserta, ha scelto poi l’Umbria e altre località del centro Italia, come Viterbo e Tuscania.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.