Cybercrime, un’azienda su due non ha una strategia di difesa

Cybercrime

Quasi un miliardo di euro spesi dalle aziende nel 2016 nell’information security, ma un’impresa su due non ha ancora sviluppato una strategia pluriennale nella gestione di sicurezza e privacy e non ha in organico in modo formalizzato la figura del Chief information security officer.  Inoltre, appena il 15 per cento ha attivato assicurazioni sul rischio cybercrime. È quanto emerso da una ricerca dell’Osservatorio information security & privacy della School of management del Politecnico di Milano.

 

NEL 2016 SPESO UN MILIARDO DI EURO IN INFORMATION SECURITY

Solo il 39% delle grandi imprese ha un piano di investimento pluriennale per la gestione della sicurezza e della privacy

Il mercato delle soluzioni di information security in Italia nel 2016 ha raggiunto i 972 milioni di euro, in crescita del 5 per cento rispetto al 2015. Anche se è aumentata la consapevolezza, di fronte alle possibili minacce derivanti dallo sviluppo di tecnologie, solo il 39 per cento delle grandi imprese ha un piano di investimento pluriennale nella gestione di sicurezza e privacy e solo il 46 per cento ha in organico in modo formalizzato la figura del Chief information security officer. Inoltre, appena il 15 delle imprese ha attive coperture assicurative, anche se solo in poco più della metà dei casi (8%) si tratti di polizze espressamente orientate al rischio cyber, mentre nei restanti casi si tratta di coperture generalistiche.

«I nuovi trend dell’innovazione digitale come cloud, big data, internet of things, mobile e social – afferma Gabriele Faggioli, responsabile scientifico dell’Osservatorio information security & privacy – richiedono nuove risposte non più rimandabili. Il nuovo Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali crea alcuni dei presupposti necessari per giungere a un quadro di riferimento, che richiede però di essere compreso e attuato».

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.