Enel e Intesa Sanpaolo per l’economia circolare: un manifesto per le aziende

enel-intesa-sanpaolo-economia-circolare

Enel e Intesa Sanpaolo in prima fila per lo sviluppo e la promozione dell’economia circolare con un manifesto volto a rafforzare l’impegno verso un continuo miglioramento delle aziende italiane sul fronte dell’innovazione, della competitività e delle prestazioni ambientali.

 

ENEL E INTESA SANPAOLO PER L’ECONOMIA CIRCOLARE

Enel e Intesa Sanpaolo per l’economia circolare: un manifesto per le aziende

Enel e Intesa Sanpaolo per l’economia circolare

Enel e Intesa Sanpaolo hanno firmato con Novamont, Costa Crociere, il gruppo Salvatore Ferragamo, Bulgari, Fater e Eataly il manifesto che coinvolge (come capofila per ciascun settore) un’azienda protagonista del Made in Italy a livello internazionale. L’obiettivo è superare le tradizionali divisioni fra i diversi settori industriali, promuovendo la creazione di sinergie tra le imprese. Innovazione e sostenibilità, difatti, devono essere parte integrante del business e delle scelte strategiche aziendali, soprattutto alla luce delle sfide che il cambiamento climatico sta ponendo.

 

UNA SFIDA E UN’OPPORTUNITÀ PER LE AZIENDE

«L’economia circolare abilitata dall’innovazione tecnologica – dichiara Patrizia Grieco, presidente Enel – è un driver strategico in grado di favorire l’affermazione di nuovi modelli di business, più efficienti e sostenibili, nonché il superamento della tradizionale distinzione di fasi e ruoli tipici dell’economia lineare: un processo che coinvolge numerosi attori, in modo trasversale lungo l’intera catena del valore».

 

UN NUOVO VALORE DI CRESCITA

«La circular economy – commenta Mauro Micillo, responsabile della Divisione Corporate & Investment Banking di Intesa Sanpaolo – rappresenta per Intesa Sanpaolo una sfida e un’opportunità capace di creare nuovo valore e crescita. Circular economy significa estensione della vita utile dei beni, rigenerazione degli stessi, nuove piattaforme di condivisione, prodotto come servizio, filiera circolare e molto altro. Sono concetti nuovi per chi fa banca che ci impongono di capire chi sarà, in futuro, vincitore e chi no. Una grande opportunità per capire quali saranno le aziende campioni di domani. Il modello circolare rappresenta un elemento di rottura positivo, capace di creare nuovo valore e crescita».

@82valentinas

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.