Fare del bene per reagire al negativo, il viaggio di Marta4kids non si ferma

marta4kids-christian-cappello-cammino

Sono passati due anni dalla partenza di quel viaggio che ha segnato la sua rinascita. Christian Cappello, scrittore e blogger di viaggi, è partito il 2 aprile 2016 per un lungo viaggio a piedi. Circa 4 mila chilometri in giro per l’Italia nel nome di Marta4kids, la onlus  nata per raccogliere fondi pro fibrosi cistica e intitolata alla compagna Marta, deceduta per complicazioni insieme al bimbo che portava in grembo.

DALLA TRAGEDIA ALLA MISSIONE #MARTA4KIDS

 

Christian Cappello Marta4kids

Christian Cappello in una delle foto condiviise sui social durante il viaggio

Una passione comune, quella dei viaggi, che era anche diventata una professione. Quindici anni insieme e poi l’arrivo del primo figlio, atteso per il 2 aprile 2016. Una vita condivisa sui social e in rete, luogo dove Christian e Marta erano e sono molto conosciuti. Poi la tragedia. Pochi giorni dopo il Natale 2015, quel Natale in cui entrambi si ritrovarono a regalarsi una donazione a favore della ricerca per la fibrosi cistica, Marta e il piccolo Leonardo muoiono improvvisamente. 

Christian si ritrova solo con la propria disperazione. Una disperazione vissuta fino in fondo, ma di fronte alla quale Christian reagisce aggrappandosi a quell’unica ragione di vita: fare del bene nel nome di Marta e di Leonardo. L’associazione Marta4kids nasce così, per ripartire donandosi. E la ripartenza coincide con l’inizio di un lungo viaggio, iniziato da Bassano del Grappa il 2 aprile 2016, giorno in cui sarebbe dovuto nascere Leonardo, e terminato a ottobre, dopo 4600 chilometri percorsi a piedi. Scopo di questo percorso, raccogliere fondi per la ricerca contro la fibrosi cistica e incontrare medici e pazienti. 

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 123

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.