Ferrari, 70 anni di un mito e non sentirli: tutti pazzi per il Cavallino

ferrari-70-anni-maranello-made-italy

Ferrari, 70 anni di un mito e non sentirli. Era il 12 marzo 1947 quando Enzo Ferrari fece emettere il primo vagito alla 125S, la prima vettura del Cavallino Rampante.

 

FERRARI, 70 ANNI DI UN MITO

Ferrari, 70 anni di un mito e non sentirli: tutti pazzi per il Cavallino

Era il 12 marzo 1947 quando Enzo Ferrari fece emettere il primo vagito alla 125S

In quel preciso istante nacque la leggenda Ferrari. Quella 125S fu la prima auto destinata a portare il nome della scuderia del Cavallino nel mondo: una macchina d’acciaio, ancora priva di carrozzeria, con un motore 12 cilindri, che diede il via a una delle più importanti realtà imprenditoriali italiane.

Era un mercoledì pomeriggio: l’obiettivo di quel primo test su strada fu percorre un tratto di via polverosa che divideva Maranello da Formigine, un paese della campagna modenese del periodo post bellico. A guidare l’auto fu proprio Ferrari, in camicia e cravatta. I contadini della zona lo chiamavano Il Matto. Quel matto è stato un visionario che ha saputo creare ed esportare nel mondo il più grande mito dell’automobilismo.

 

 

TUTTI PAZZI PER IL CAVALLINO RAMPANTE

Ferrari, 70 anni di un mito e non sentirli: tutti pazzi per il Cavallino

Ferrari, brand vincente diventato emblema del Made in Italy nel mondo

Dopo il debutto su strada del 12 marzo 1947, qualche mese dopo, l’11 maggio, ci fu quello sulla pista nel circuito di Piacenza, ma a causa di un problema alla pompa di alimentazione, la 125S guidata da Franco Cortese fu costretta ad abbandonare la gara. Pochi giorni dopo, il 20 maggio, arrivò il primo successo della 125S con la vittoria di Cortese nel Gran Premio di Roma.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.