Festa del papà, festa delle pasticcerie (e delle zeppole)

zeppole-maxpixel.freegreatpicture.com-Tasty-Neapolitan-Zeppola-Italy-Pastry

La festa del papà, come tutte le feste, ha un notevole riscontro commerciale. In occasione di oggi 19 marzo sono anche i pasticceri a far festa, perchè non c’è ricorrenza senza un dolce. Le zeppole di san Giuseppe sono da sempre il dolce tipico e più acquistato per la festa del papà e già da qualche giorno le vetrine di pasticcerie e panetterie si sono riempiti di zeppole di ogni dimensione e fattura.

 

LA VERA ZEPPOLA DI SAN GIUSEPPE

Se la festa del papà è un’istituzione tutto sommato recente, per la zeppola non si può dire altrettanto. Le origini di questo dolce napoletano risalgono al VI secolo avanti Cristo: in occasione dei Liberalia, cerimonia in cui veniva sancito il passaggio dei giovani alla vita adulta, era usanza festeggiare con delle frittelle che ricordano le zeppole.

Della zeppola napoletana nella versione moderna si ha notizia agli inizi del 1800. La prima ricetta scritta di questo dolce è opera di Ippolito Cavalcanti, ed è datata 1838. La tradizione vuole che le zeppole siano realizzate in pasta choux fritta due volte, la prima nell’olio e la seconda nello strutto. La frittella viene poi farcita con crema pasticcera e decorata con amarene.

 

TANTE VARIANTI PER UN DOLCE DI SUCCESSO PER LA FESTA DEL PAPÀ

zeppoppella zeppole san giuseppe pasticceria poppella

La Zeppoppella, invenzione della pasticceria Poppella di Napoli

Come ogni piatto iconico e tradizionale, alla versione tradizionale ne sono state affiancate molte altre. Il successo di un piatto si misura anche dalle diverse varianti create sulla base della ricetta tradizionale. La variante più diffusa, ma osteggiata dai puristi, è quella più salutista della zeppola cotta in forno: da frittella con la crema, la versione più light della zeppola la trasforma in un bignè.
Grandi o mignon, fritte o al forno, persino vegane, le zeppole di san Giuseppe sono pronte a festeggiare tutti i papà. Se per Germano Bellavia, pasticcere napoletano con una lunga tradizione familiare nella pasticceria, la zeppola è solo fritta, a Napoli continuano a nascere nuove versioni di zeppole. L’ultima la Zeppoppella, recente invenzione di Poppella, pasticceria del rione Sanità oggetto di un avvertimento della camorra che a febbraio l’ha colpita con una raffica di spari sulla vetrina. 

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.