Meno soldi o più welfare? La scelta (quasi scontata) dei dipendenti Fca

welfare

Soldi o servizi di welfare? È questa la decisione che decine di migliaia di dipendenti di Fca in Italia dovranno assumere entro il prossimo sette maggio.

 

L’INCENTIVO PRODUTTIVITÀ POTRÀ ESSERE TRASFORMATO IN SERVIZI

Si dovrà insomma formalizzare la scelta di come si preferisce ricevere l’incentivo di produttività previsto per quest’anno. Una cifra compresa tra i 700 e gli 800 euro circa, a seconda dell’inquadramento. Soldi che di solito finiscono direttamente in busta paga, alleggeriti ovviamente di tasse e balzelli vari.

 

LEGGE FINANZIARIA DÀ BENEFICI AD AZIENDE CHE INVESTONO IN WELFARE
welfare-fca

Tra i servizi di welfare di cui potranno usufruire i dipendenti di Fca, ci sono anche i controlli sanitari

Quest’anno però la Legge finanziaria consente di detassare le aziende che promuovono politiche di welfare e quindi il colosso italiano dell’auto ha deciso di dar vita a “Conto welfare”, un’alternativa che consente ai lavoratori di ricevere il bonus sottoforma di servizi, il cui valore però non risentirà delle tradizionali “menomazioni” fiscali.

Inoltre alla cifra totale sarà aggiunto un ulteriore cinque per cento da parte dell’azienda, che verrà anch’esso trasformato in servizi utili per la famiglia del dipendente.

 

CHI SCEGLIE IL CONTRIBUTO IN DENARO DOVRÀ FARE I CONTI CON LE TASSE

Nel caso di un incentivo pari a 700 euro, dunque, si potrà scegliere se ricevere il contributo sottoforma di denaro (quindi, all’incirca 540 euro netti in busta paga), oppure vederlo “trasformato” in servizi (sanitari, scolastici, sportivi, culturali, previdenziali…) per un valore totale netto di 735 euro.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Bimag QUOTES

1 / 20
2 / 20
3 / 20
4 / 20
5 / 20
6 / 20
7 / 20
8 / 20
9 / 20
10 / 20
11 / 20
12 / 20
13 / 20
14 / 20
15 / 20
16 / 20
17 / 20
18 / 20
19 / 20
20 / 20

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.