I most wanted delle aziende? Progettista meccanico e project manager

progettista-meccanico

Né in quella commerciale, né in quella amministrativa: per trovare lavoro oggi bisogna puntare tutto sull’area tecnica.

 

INDAGINE LUNGA UN ANNO REALIZZATA DA SKILL

Proprio così, almeno stando ai risultati diffusi da Skill Risorse Umane, che ha svolto un’indagine lunga un anno (da ottobre 2015 a ottobre 2016), coinvolgendo ben 280 imprese e chiedendo loro quale fossero le figure ricercate e di cui si avvertisse maggiormente la necessità. L’ambito territoriale di riferimento è stata la Lombardia centrale, partendo a ovest dalla provincia di Milano, fino a coprire a est la provincia di Mantova.

 

IL 41 PER CENTO DELLE RICHIESTE RIGUARDA L’AREA TECNICA
project-manager-progettista

Il project manager è una delle figure più ricercate dalle aziende lombarde

Del campione considerato, l’80 per cento è composto da industrie manifatturiere, prevalentemente meccaniche. Il 18 per cento è rappresentato dal comparto servizi (It, sanità, banche, etc.), mentre il restante 2 per cento coinvolge settori diversi (come ad esempio l’agroalimentare).

Emerge così che il 41 per cento delle richieste riguarda l’area tecnica, seguita con un ampio margine di distanza dall’area commerciale (al 26 per cento) e da quella amministrativa (18 per cento). Presenti in graduatoria, ma con percentuali meno significative, l’area informatica (8 per cento) e i neolaureati, suddivisi tra ingegneri (6 per cento) e tutte le altre specializzazioni, racchiuse sotto il cappello di quell’1 per cento finale.

 

RICERCATO SOPRATTUTTO IL PROGETTISTA MECCANICO

Analizzando i dati nel dettaglio, si scopre che all’interno dell’area tecnica sono in particolare due le figure che vengono ricercate: il progettista meccanico, le cui abilità sono richieste in un caso su quattro (occupa infatti una percentuale del 26 per cento) e il project manager (con una percentuale del 15 per cento).

Nel primo caso si parla di chi operativamente agisce sullo sviluppo del prodotto e su nuove soluzioni. Una figura cardine, sempre più orientata alla ricerca. Nel secondo caso si fa riferimento invece a una figura più recente, che si pone ad un livello intermedio nell’organigramma aziendale e si configura come fortemente trasversale, interfacciandosi con tutte le aree funzionali dell’impresa: un riferimento unico sia per il cliente finale che per fornitori e stakeholders.

@BusinessPmi

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.