È gin mania: fa bene al turismo

ginepraio-gin

C’è chi usa ginepro della Sardegna, chi le botaniche del Lago di Como, chi le erbe della Toscana o il sale di Cervia.  Sono 143 i produttori di gin in Italia: un boom senza precedenti, trascinato dal momento d’oro della mixology. E ognuno cerca di valorizzare il territorio, un’idea vincente che apre business trasversali con il turismo.

 

DAL GIN CON GINEPRO SARDO A QUELLO CON LE BOTANICHE DEL LAGO DI COMO

Simonpietro Romiti di Gin Giass, il primo gin di Milano

Simonpietro Romiti di Gin Giass Milano

«È un mercato che continua a crescere – sottolinea Simonpietro Romiti di Gin Giass, il primo gin di Milano, che incontriamo al White Spirits Festival  –, anche perché il gin è un prodotto molto versatile. A quello italiano manca la storia, un gap che con il tempo riusciremo a colmare perché il made in Italy ha qualità e noi giovani siamo bravi. L’area più vocata è il Nord, perché ha più distillerie, ma stanno nascendo etichette di livello anche al Sud, in Costiera Amalfitana, per esempio». 

Gin Rivo, con le botaniche del Lago di Como raccolte fresche

Gin Rivo, con le botaniche di Como

Per fare un gin serve la base di ginepro, poi c’è spazio alla fantasia. Gin Giass utilizza 18 botaniche, tra cui semi di coriandolo e radice di angelica. Ma ognuno si sbizzarrisce: basta trovare il giusto equilibrio. La tendenza è poi quella di radicarsi al terroir, una chiave che promette sviluppi dal punto di vista della valorizzazione turistica

Gin Primo, prodotto in Romagna, utilizza, per esempio, sale di Cervia. Gin Rivo, a Como, vincitore del Red Dot Design Award, un Oscar mondiale per il design, è preparato con erbe fresche raccolte con il foraging sull’Alto Lario. Tra queste pimpinella, santoreggia, timo, melissa. Solo Wild Gin, è invece  l’unico gin italiano prodotto con una sola botanica, il ginepro selvatico di Sardegna, raccolto a mano. Tom Time, made in Brianza, è caratterizzato dal rosmarino del Parco della Valle del Curone

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.