Grilli e tarme, nuova carne in tavola: da gennaio 2018 nei ristoranti

Mangiare-insetti-microvita-crespellano

Il sapore dei grilli è simile a quello dei crostacei. Quello delle tarme ricorda le arachidi. Le camole del miele hanno il sapore della nocciola ma anche della mandorla. Parola dei mangiatori di insetti.

 

GRILLI, CAMOLE E TARME IN TAVOLA

Grilli, camole e tarme nuova carne in tavola: da gennaio nei ristoranti

Grilli e tarme nuova carne in tavola

E c’è già chi, in Italia, ha creato un’azienda.

Si tratta della Microvita di Crespellano (in provincia di Bologna), che alleva insetti utili nelle coltivazioni e, da anni, cucina con insetti, tarme e grilli. Non solo. Luigi Ruggeri e Giovanna Cadoni, i coniugi titolari, stanno studiando un ricettario da depositare alla Siae e pubblicare. «Gli insetti piacciono, si alzano da tavola tutti soddisfatti» commenta Giovanna al Corriere di Bologna. Da anni, i due coniugi organizzano cene per amici e appassionati dove l’ingrediente principale sono, appunto, gli insetti: «Con gli insetti si fanno i primi, i secondi, i contorni e anche i dolci».

 

REGOLAMENTO UE DA GENNAIO IN ITALIA

Dal gennaio 2018 anche l’Italia recepisce il regolamento europeo: i piatti a base di insetti potranno essere serviti anche nei ristoranti della Penisola. La Microvita si sta preparando alla svolta, per rifornire i locali di insetti, camole, grilli e tarme. In un futuro non tanto lontano, si pensa anche alla produzione di snack da banco a base di insetti (come gli integratori proteici).

 

PROTEINE ALTERNATIVE?

Grilli, camole e tarme nuova carne in tavola: da gennaio nei ristoranti

Insetti, nuove proteine?

C’è chi storce il naso alla novità, chi si dice incuriosito della nuova moda. La parola finale va alla scienza e alle istituzioni. Da alcuni anni la Fao ha lanciato il programma Edible Insects per promuovere la diffusione della entomofagia, la pratica di mangiare insetti già seguita da circa due miliardi di persone nel mondo (in particolare in Asia, Africa e America centrale). «Gli insetti – spiega Mauro Serafini, vice presidente della facoltà di Bioscienze dell’università di Teramo – sono una fonte nutritiva ricca di proteine con un bassissimo impatto ecologico rispetto alla carne. Pertanto grilli, cavallette, bruchi e mealworms potrebbero presto essere considerati fonte di proteine alternative. E questo vale non solo per la nutrizione umana ma anche per la composizione dei mangimi». Serafini è stato insignito dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, del titolo di commendatore dell’Ordine al merito della Repubblica italiana per meriti scientifici.

@82valentinas

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.