I giochi per i super eroi sono senza barriere, parola di Bebe Vio

bebe-vio-sport

Giochi senza barriere. Il nome dice già tutto, dice di un appuntamento fatto di divertimento e dedicato a tutti coloro che devono affrontare quotidianamente le barriere. L’edizione 2018 dei giochi senza barriere voluti dalla instancabile Bebe Vio sarà il 14 giugno allo stadio dei marmi di Roma, lo ha annunciato proprio la campionessa paralimpica di scherma. 

 

I GIOCHI ORGANIZZATI DALLA ONLUS DI BEBE VIO 
giochi senza barriere locandina bebe vio

La locandina dei Giochi senza barriere 2017

Quella dei giochi senza barriere è una giornata piena di energia, che vede sfidarsi otto squadre di altrettante regioni d’Italia con 20 partecipanti ognuna. La giornata è voluta e organizzata da Art4sport, la onlus che Bebe Vio ha fondato insieme alla famiglia per, racconta la campionessa, «promuovere lo sport come terapia fisica e psicologica per bambini e ragazzi con disabilità fisiche e migliorare la qualità della vita di bambini e ragazzi amputati, portatori di protesi di arto attraverso la pratica dell’attività sportiva».

Il format al quale si ispira è quello dei famosi e amatissimi Giochi senza frontiere: le otto squadre, composte da 20 giocatori suddivisi tra giovani (8-13 anni) e adulti maschi e femmine, disabili e non, si fronteggeranno durante una serie di prove.  Il tutto con una certezza: che nella vita sono molto più importanti i talenti e le abilità che non le disabiiltà e che non c’è disabilità che tenga davanti alla voglia di affermare la propria abilità e unicità nel mondo. Chi ogni giorno trova l’energia per affrontare il mondo dentro una disabilità è un vero e proprio super eroe, e Bebe ne è convinta.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.