Illy, l’Università del Caffè compie 18 anni: due nuove sedi in Estremo Oriente

La conoscenza italiana in certi ambiti è unica. È un patrimonio che va esportato, e c’è chi lo sta facendo da tempo. Prendiamo il caffè: una materia prima che non nasce in Italia, eppure a maneggiarlo siamo diventati i migliori al mondo. Al punto che illycaffè nel 1999 ha fondato l’Università del Caffè, per promuovere e diffondere la cultura del caffè di qualità nel mondo. E ora ha aperto due nuove sedi, in Oriente, per proseguire la propria espansione.

ILLY, CAFFÈ DALL’ITALIA ALL’ESTREMO ORIENTE
Le due nuove sedi saranno la 27esima e la 28esima dell'Università del Caffè di Illy

Le due nuove sedi saranno la 27esima e la 28esima dell’Università del Caffè di Illy

Due nuove sedi, una in Nepal nella località di Lainchour (Kathmandu), ospitata nella prestigiosa Silver Mountain School of Hotel Management, e una a Taiwan, nella città di Taipei: grazie a queste due novità l’Università del Caffè di Illy arriva oggi a contare 28 filiali all’estero, sparse per il mondo. In Estremo Oriente aveva già inaugurato i distaccamenti di Cina, Corea del Sud, Giappone, Tailandia, Indonesia e Malesia.

 

CORSI E DIVULGAZIONE PER I CONSUMATORI

Cosa si fa all’Università del Caffè di Illy? «I corsi – spiegano dall’azienda – proporranno corsi base e avanzati dedicati ai baristi e professionisti dell’ospitalità e attività divulgative per i consumatori. Tutta l’attività formativa è concepita per contribuire alla crescita e al miglioramento della produzione del caffè, al benessere delle persone che se ne prendono cura e lo consumano e alla salvaguardia dell’ambiente, lungo tutta la filiera, dalle piantagioni ai luoghi di consumo».

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.