Vale la Pena: dal carcere la birra più cool

 

DA FA ER BRAVO A ER FINE PENA, A SENTITE LIBBERO: L’IRONIA IN ETICHETTA

 

Una delle diverse birre dal carcere con il brand Vale la pena

Una birra Vale la pena

La gamma delle birre, dai nomi ironici, comprende le fisse come Fa er Bravo, un’American Pale Ale in dry hopping di solo luppolo Bravo; Er Fine Pena, la prima birra prodotta dal birrificio, una Golden Ale fresca e profumata. Ci sono poi le birre speciali, prodotte in alcune occasioni, e le stagionali come Sèntite Libbero, una  Saison invernale, scura, con cicorie spontanee raccolte dalla condotta Slow Food «Raffaele Marchetti»,  prodotta in collaborazione con Valter Loverier (Loverbeer).

Le birre si acquistano su Besk, il primo e-commerce a vocazione sociale che permette di scegliere in un unico spazio prodotti solidali e biologici. O in una rete di locali e birrifici ubicati nelle maggiori città italiane. 

@daniele_colombo

TORNA INDIETRO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.