Pinocchio ora si legge anche in emoji. Le icone incontrano un classico

Pinocchio_emojitaliano-incipit

«C’era una volta… – Un re! – diranno i miei piccoli lettori. No ragazzi, avete sbagliato. C’era una volta un pezzo di legno». Comincia così, e molti se lo ricordano dai tempi dell’infanzia e delle fiabe lette ad alta voce, una delle opere italiane più conosciute, tradotte e reinterpretate, Pinocchio di Collodi.

Trasposizioni teatrali, televisive, cinematografiche, versioni a fumetti, videogames ispirati, riletture e rimaneggiamenti. A tutte queste versioni di Pinocchio se ne aggiunge una mai provata prima: la traduzione dell’opera di Collodi in emoji.

Non più parole, quindi, ma icone. Quei pittogrammi sempre più diffusi nella comunicazione online, utili a rappresentare stati d’animo e ad aggiungere qualcosa all’espressione scritta possono avere una portata universale? Il progetto di tradurre Pinocchio in emoji è stata l’occasione per testarne la possibilità.

 

PINOCCHIO IN EMOJI, ESPERIMENTO RIUSCITO 

 Il progetto di tradurre Pinocchio in emoji è partito nel 2016, è nato nel web e lì si è sviluppato. L’iniziativa è partita da Francesca Chiusaroli, docente di linguistica e glottologia all’università di Macerata. Attraverso il suo blog Scritture brevi e la community creatasi su twitter  il progetto ha preso piede. Una frase al giorno, la community ha tradotto tutto Pinocchio in emoji e lo ha fatto lavorando anche alla costituzione di un vero e proprio glossario e di una grammatica di questo nuovo linguaggio delle icone.

Un lavoro linguistico che, oltre alla Chiusaroli e alla community che si è creata intorno al suo blog, ha coinvolto anche altri ricercatori e docenti. Un lavoro lungo e difficile, soprattutto per l’aspetto nuovo del progetto, ovvero quello di tentare di arrivare ad avere degli strumenti condivisi che permettano la comunicazione. Il risultato è stato un codice linguistico chiamato emojitaliano, in cui alle parole si associano una o più icone, la punteggiatura stessa è definita con emoji, così come i modi e i tempi verbali. 

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.