L’Italia supera la Germania: è la regina del gelato nell’Unione europea

gelato-italia-germani-regina-ue-europa-coldiretti

Dici gelato e pensi Italia. Il gelato italiano, infatti, conquista i mercati del mondo. Il BelPaese è il primo produttore di gelato nell’Unione europea.

 

ITALIA REGINA DEL GELATO IN UE

Il caldo record ha fatto volare a quasi tre miliardi di euro i consumi di gelato nel 2017. È quanto rivela la Coldiretti. Nonostante l’estate sia la stagione privilegiata per coni e coppette, nell’anno appena concluso si è verificata una decisa tendenza alla destagionalizzazione con un +10% nei consumi annuali, che in Italia superano i sei chilogrammi pro capite prodotti da quasi 40mila le gelaterie dove si stima lavorino oltre 150mila addetti.

 

TRE MILIARDI DI EURO NEL 2017

L’Italia supera la Germania: è la regina del gelato nell’Unione europea

L’Italia è la regina del gelato in Ue

Con i suoi 595 milioni di litri, la Penisola è diventata il primo produttore dell’Unione europea con circa il 19% dell’intera produzione comunitaria (3,2 miliardi di litri). Un primato ottenuto grazie al sorpasso nei confronti della Germania che lo ha detenuto per oltre 20 anni ma che, adesso, è ferma a 515 milioni di litri (16%), seguita dalla Francia a 454 milioni (14%). Al quarto posto si posiziona la Spagna con 301 milioni di litri e al quinto la Polonia con 264 milioni di litri. A chiudere la top ten è la Norvegia, con 56 milioni di litri.

 

GELATO, +10% DI CONSUMI

«Rilevante in Italia – precisa la Coldiretti – è anche l’impatto sull’indotto, con l’utilizzo di 220mila tonnellate di latte, 64mila di zuccheri, 21mila di frutta fresca e 29mila di altre materie prime. Va per questo sottolineata l’importanza della frutta e del latte freschi italiani nella preparazione del vero gelato dove purtroppo rischiano di prevalere surrogati di bassa qualità». Tra le novità dell’ultimo anno si registra un vero boom delle consegne a domicilio. Da segnalare anche il boom delle agrigelaterie, che garantiscono la provenienza della materia prima dalla stalla alla coppetta con gusti che vanno dal latte di asina a quello di capra fino alla bufala.

@82valentinas

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.