Malpensa non vola più a Roma, sacrificio necessario per Alitalia

alitalia-malpensa

Alitalia si arrende. A partire dal primo febbraio di quest’anno verrà eliminata definitivamente la rotta che, via Malpensa, collega Milano e Roma.

 

PER IL 2016 SI STIMANO PERDITE PER 400 MLN DI EURO

Per la Capitale rimarrà attiva solo quella dall’aeroporto di Linate (scalo sensibilmente più vicino al capoluogo meneghino). Una decisione sofferta ma irrinunciabile per cercare di riportare la compagnia su un percorso di sostenibilità economica.

Per il 2016 si stimano infatti perdite intorno ai 400 milioni di euro, in linea coi risultati disastrosi del 2015. Meglio comunque del biennio precedente, quando le perdite si avvicinarono pericolosamente ai 600 milioni di euro.

 

IL 10 GENNAIO VERRÀ  PRESENTATO IL NUOVO PIANO INDUSTRIALE DI ALITALIA
cramer-ball-alitalia

L’amministratore delegato di Alitalia, Cramer Ball

Così non si può andare avanti. Un ritornello che ci si ripete da anni ma che sembra non trovare mai risposte operative adeguate. Stavolta però sembra arrivato il momento delle decisioni forti.

Nel piano industriale che l’amministratore delegato Cramer Ball presenterà il prossimo 10 gennaio, nell’alveo delle determinazioni volte a contenere i costi, sarà previsto questo sacrificio, abbandonando una linea che opera costantemente in perdita e che contribuisce al rosso dell’azienda per circa sei milioni di euro all’anno.

 

MALPENSA FINORA STRATEGICA PER IL FEEDERAGGIO SU ROMA

A tenerla in vita finora è il fatto che, seppur economicamente perdente, si tratta di una linea fortemente strategica, grazie al “feederaggio”. Ovvero il fatto che convoglia sull’aeroporto di Fiumicino i passeggeri destinati a raggiungere mete intercontinentali.

Una sorta di navetta Milano-Roma. Una navetta però troppo costosa e che sconta l’annoso problema di dover contare su un aeroporto, quello di Malpensa, distante almeno un’ora (traffico permettendo) dal centro di Milano. Le attività di feederaggio, sempre più spesso, vengono ormai effettuate dalla concorrenza. E il riferimento non è solo ad altri vettori, ma ad altri mezzi di trasporto; treni in primis.

@BusinessPmi

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.