Dolci senza zucchero (e tanto altro): Torino frontiera della pasticceria crudista

pasticceria-crudista-vegana

Per qualcuno forse si comincia a esagerare, ma tant’è. Anche uno degli ultimi baluardi della cucina tradizionale si appresta a crollare miseramente: per fare i dolci si può fare a meno dello zucchero.

 

BANDITI DAI DOLCI ANCHE FARINA, LIEVITO, UOVA E LATTE

Sembra un controsenso, un paradosso, un ossimoro. Ma si è arrivati anche a questo. E tra l’altro, via lo zucchero ma non solo. Eliminati anche farina, lievito, uova e latte.

Sì, ok ma cosa rimane? Verrebbe da chiedersi. Lo si scoprirà presto. A Torino è nata la prima, e chissà se anche unica, pasticceria crudista presente sul pianeta terra. Tutti i dolci verranno preparati con ingredienti di origine vegetale, ricorrendo a lavorazioni inferiori ai 42 gradi.

 

GREZZO RAW CHOCOLATE APRE I PRIMI DI GIUGNO
dolcI-zucchero-farina-uova-pasticceria-vegana-crudista

Latte, uova, farina, zucchero: tutti ingredienti non ammessi nella pasticceria crudista che aprirà a Torino

Grezzo Raw Chocolate, questo il nome del locale, si prepara ad aprire i battenti i primi di giugno a Torino. Di sicuro si tratta di una bella sfida, che genera tanta curiosità.

Sarà strano addentare un tiramisù, una crostata o qualsiasi altro dolce che, oltre agli ingredienti già citati, non contenga neppure glutine, qualsiasi derivato del latte o prodotti chimici di sorta. Certo, il sapore non potrà ricordare neppure lontanamente quello che si è soliti associare a questi prodotti, ma potrebbe riservare sorprese.

 

GELATI, FRULLATI E TORTE AVRANNO UN SAPORE… DIVERSO

Ovviamente, siccome si sta parlando di una pasticceria (seppur crudista), spazio anche a gelati e frullati. E per chi dovesse rimanere piacevolmente colpito da questo esperimento culinario, ci sarà la possibilità di seguire corsi di cucina crudista vegana in loco.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.