L’inbound marketing rivoluziona le strategie: ecco i quattro step fondamentali

Inbound-Marketing

L’inbound marketing corrisponde a un’esigenza molto sentita dai buyer b2b: ricevere informazioni rilevanti nel momento e nel luogo in cui le stanno cercando. Le aziende che si avvicinano a questo approccio devono concentrare la loro attenzione nel produrre contenuti utili al loro pubblico target, distribuendoli sui canali giusti, con una periodicità costante e misurando i risultati ottenuti. È chiaro quindi che una strategia inbound rivoluziona completamente gli strumenti e i metodi del marketing tradizionale.

 

CAMBIANO IL RAPPORTO COI CLIENTI E LA VELOCITÀ D’INTERAZIONE

La prima trasformazione è nel rapporto con clienti e prospect. Se i mezzi di comunicazione passati, come pubblicità in tv, radio, stampa o banner su internet interrompevano di fatto le attività degli utenti, gli strumenti di inbound marketing lasciano loro un ruolo attivo: dopo avere trovato i contenuti che ritengono interessanti, possono decidere se interagire con l’azienda che li ha pubblicati.

La seconda trasformazione sta nella gestione delle attività di marketing: se per i canali outbound i tempi di produzione, distribuzione e raccolta dei risultati sono piuttosto lunghi, con l’inbound marketing l’intero ciclo di interazione che porta l’utente a convertirsi in lead e poi in cliente è molto più facile e rapido da misurare, permettendo di modificare e ottimizzare la strategia digitale durante il suo stesso svolgimento. Ecco i passaggi fondamentali per implementare la metodologia inbound.

 

1) DEFINIRE IL CLIENTE IDEALE

La prima fase dell’inbound marketing riguarda la conoscenza del cliente ideale

La prima fase della strategia inbound riguarda la conoscenza del cliente ideale: per individuarlo possono essere utili studi e analisi realizzati dall’azienda, così come un confronto di opinioni tra le varie divisioni interne, dal marketing al reparto vendite fino al customer care.

Dopo avere raccolto i dati utili, si passa alla creazione delle buyer persona, ovvero i profili dei clienti modello dell’azienda, che comprendono informazioni su comportamenti online, desideri, aspettative e canali digitali frequentati, da tenere sempre ben presenti nella scelta dei temi e nella produzione dei contenuti.

 
2) GENERARE LEAD

Fondamentale risulta essere la capacità di generare lead attraverso il call to action

L’attività principale per creare contatti commerciali validi, nella strategia di inbound marketing, coincide con la produzione di contenuti. Affinché questi vengano facilmente trovati dal target nella sua navigazione sul web, occorre definire le parole chiave più ricercate che corrispondono alle esigenze e problematiche maggiormente sentite dai potenziali clienti. Queste keyword dovranno essere tenute in considerazione sia per l’ottimizzazione del sito, sia per la definizione del piano editoriale dei contenuti.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.

Gli articoli Promoted post sono scritti direttamente dai nostri sponsor, che possono così condividere su BiMag informazioni e opinioni.

Se ti interessa proporre la tua azienda, clicca qui: sarai ricontattato dal nostro ufficio marketing.