Milano capitale italiana del car sharing: un milanese su tre iscritto al servizio

milano-regina-car-sharing-bike-sharing

Milano è la capitale italiana della mobilità condivisa con un milanese su tre iscritto ad almeno un servizio. Sono 640mila gli utenti del car sharing registrati nel capoluogo lombardo, che ospita il 43% dei mezzi di tutta Italia con sei operatori attivi e 3.290 veicoli. È quanto rivela il secondo rapporto nazionale sulla mobilità condivisa stilato dall’osservatorio nazionale della sharing mobility, nato da un’iniziativa del ministero dell’Ambiente e della Fondazione per lo sviluppo sostenibile e composto da 80 membri fra cui tutti gli operatori di sharing.

 

MILANO CAPITALE ITALIANA DEL CAR SHARING

Milano capitale italiana del car sharing: un milanese su tre iscritto al servizio

Milano capitale italiana del car sharing

In generale, la mobilità condivisa lungo la Penisola è in costante crescita. Sono, infatti, 18,1 milioni gli italiani che possono usufruire di almeno un servizio di mobilità condivisa (28% della popolazione italiana): bike sharing, car sharing e carpooling (i più utilizzati anche grazie alle app) fra il 2015 e il 2017 sono aumentati del 50%. Milano si conferma al top fra le città, con quasi 3.400 auto, 16.650 bici e più di 100 scooter elettrici. Il bike sharing con 39.500 bici offerte in 265 Comuni è il primo in Europa per diffusione.

 

ISCRITTO UN MILANESE SU TRE

Nel 2017 è stato superato il milione di iscritti in Italia a servizi di car sharing, con 7.679 veicoli e 35 città interessate. Il numero di veicoli condivisi globalmente in Italia tra il 2013 e il 2017 è quintuplicato, mentre il numero degli iscritti e dei noleggi è cresciuto rispettivamente di diciotto e trentasette volte. In particolare, si riscontra negli ultimi 12 mesi un aumento non solo del numero di auto condivise, ma anche del numero di noleggi giornalieri per auto, che consente al servizio di guadagnare in redditività ed efficienza. Ad esempio oggi un’auto in carsharing a Milano viene noleggiata in media cinque volte al giorno, cioè il doppio dei valori medi del 2013.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.