Dall’enciclica alla startup: Papa Francesco ispira un acceleratore

papa-francesco-thelaudatosìchallenge

Papa Francesco diventa ispiratore di startupper del calibro di Stephen Forte, direttore generale di Fresco Capital, società di venture capital con sede a Hong Kong. Nascerà in Vaticano un accelleratore di startup ispirato all’enciclica Laudato sì del pontefice. È Forte stesso a darne l’annuncio attraverso un post su Medium in cui racconta il perchè di questa decisione.

 

PAPA FRANCESCO, LA SUA ENCICLICA E L’INTERVENTO AL TED

Stephen Forte Laudato sì challenge papa Francesco

Stephen Forte – Fresco Capital

Per Forte l’ispirazione nasce tutta dall’enciclica di papa Francesco dedicata al creato, un vero e proprio invito a darsi tutti da fare per custodire al meglio ciò che Dio ha consegnato agli uomini. Ciò che colpisce Forte è la call to action che il pontefice ha lanciato attraverso l’enciclica e che continua a proporre nei suoi discorsi pubblici.

Ultimo in ordine di tempo, ma non di importanza l’intervento al TED di Vancouver in cui il pontefice ha ancora una volta esortato le aziende tecnologiche a migliorarsi avendo come obiettivo il bene comune.

 

LE PAROLE DI FRANCESCO ISPIRAZIONE PER L’ACCELLERATORE

san pietro papa francesco

Il Vaticano è partner di Laudato sì Challenge

«As a global citizen with young children, I’m called to respond to His Holiness Pope Francis’ challenge»

Questa presa di responsabilità sta alla base dell’idea di Forte e spiega il perchè abbia deciso di far partire l’accelleratore di startup proprio in Vaticano. Lo stato pontificio, infatti, si sta posizionando come un terreno fertile per l’innovazione che guarda al bene comune. Dopo il lancio di  Scholas, programma dedicato alla promozione di progetti innovativi riguardanti l’educazione e l’integrazione scolastica, un altro accelleratore di startup ha scelto Roma.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.