Prima il lavoro, Papa Francesco inizierà la visita di Genova dall’Ilva

Papa-Francesco

Sarà una visita intensa e ricca di impegni quella del 27 maggio a Genova per Papa Francesco. Come è appena accaduto per Milano, la visita pastorale nel capoluogo ligure è fitto di appuntamenti per il pontefice, che ha deciso di iniziare la propria giornata  partendo da un tema caldo: quello del lavoro. Dopo l’arrivo in aeroporto, infatti, Papa Francesco si dirigerà all’Ilva di Cornigliano, dove incontrerà 3 mila operai liguri. 

 

L’IMPORTANZA DEL LAVORO E ILVA COME SIMBOLO 
Ilva Papa Francesco a Genova

La prima tappa di Papa Francesco a Genova è all’Ilva

«Il lavoro ci dà dignità. Chi per manovre economiche, per fare negoziati non del tutto chiari chiude fabbriche, chiude imprese e toglie il lavoro agli uomini fa un peccato gravissimo». Con queste parole, pronunciate durante l’udienza del 15 marzo, Francesco ha ribadito ancora una volta l’importanza del lavoro per la dignità dell’uomo, tema che gli sta particolarmente a cuore e che spiega la scelta di iniziare la propria giornata a Genova partendo proprio dall’incontro con i lavoratori e in un luogo che per Genova e per l’Italia ha un fortissimo valore simbolico

 

LA VICINANZA DELLA CHIESA AI LAVORATORI LIGURI

L’incontro di Papa Francesco con operai liguri è stato anticipato dall’arcivescovo di Genova Bagnasco, che recentemente ha visitato i due stabilimenti simbolo della città, l’Ilva di Cornigliano e l’Ansaldo Energia. L’arcivescovo ha ribadito la vicinanza della Curia genovese ai lavoratori e l’attenzione verso il mondo del lavoro e le sue problematicità. Se Papa Francesco ribadisce da sempre che il lavoro è un diritto per tutti gli uomini, anche l’arcivescovo di Genova si è augurato che il futuro delle due aziende liguri possa assicurare lavoro per tutti gli operai. E che la visita di Papa Francesco possa portare loro speranza.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.