Ryanair fa rotta su Napoli: 17 nuove rotte e 750 posti di lavoro

ryanair-napoli-voli-capodichino-italia

Ryanair fa rotta su Napoli: sono 17 le destinazioni europee raggiungibili dall’aeroporto campano di Capodichino. I voli saranno effettuati a partire da marzo 2017.

 

RYANAIR FA ROTTA SU NAPOLI

La compagnia low cost irlandese continua, dunque, a puntare sull’Italia. Dopo l’apertura all’aeroporto di Bergamo del suo primo hangar di manutenzione italiano, Ryanair fa volare Napoli con tre nuovi aeromobili (per un investimento totale di 300 milioni di dollari).

 

 

750 NUOVI POSTI DI LAVORO
Ryanair fa rotta su Napoli: 17 nuove rotte da Capodichino da marzo 2017

Ryanair fa rotta su Napoli: 17 nuove rotte da Capodichino da marzo 2017

Il colosso dei cieli, dunque, atterra anche a Napoli: sono previsti un milione di viaggiatori l’anno dall’aeroporto partenopeo, il 27esimo scalo Ryanair in Italia e la 16esima base italiana del vettore (la 86esima in Europa). Si stima che l’investimento della compagnia  possa portare fino a 750 posti di lavoro tra dipendenti diretti e indotto.

Sono 17 le nuove rotte (per 69 voli settimanali) che collegano Napoli alle principali città europee: Brema, Copenaghen, East Midlands, Eindhoven, Francoforte Hahn, Danzica, Kaunas, Lisbona, Madrid, Manchester, Milano Bergamo, Siviglia, Stoccolma, Treviso, Tolosa, Valencia e Varsavia Modlin.

 

UN MILIONE DI VIAGGIATORI L’ANNO
Ryanair fa rotta su Napoli: 17 nuove rotte da Capodichino da marzo 2017

Sono previsti un milione di viaggiatori l’anno dall’aeroporto di Napoli (NewPress)

Finora gli abitanti di Napoli e provincia dovevano andare a Bari o a Roma Ciampino per volare con le tariffe low cost di Ryanair. Le due nuove opzioni possibili in Campania per la compagnia guidata da Micheal O’Leary erano Napoli o Salerno, scalo che non presentava, però, un’immediata operatività.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.