Si brinda all’arrivo del 2018, anno del cibo italiano

anno del cibo italiano

Sono giornate di bilanci, di attese per l’anno che verrà, di auguri. Cucine in fermento, tavole imbandite, fiumi di bollicine, oggi si festeggia e il brindisi per il nuovo anno ha una ragione in più: il 2018 sarà l’anno del cibo italiano. Lo hanno deciso il ministro dei beni culturali Franceschini e quello delle politiche agro alimentari Martina. Lo hanno fatto insieme, per ribadire ancora una volta che tutelare e promuovere il cibo italiano significa contemporaneamente fare cultura e sostenere un settore fondamentale per l’economia italiana. 

 

ANNO DEL CIBO ITALIANO, OCCASIONE IMPORTANTE
anno del cibo italiano

La campagna social dei musei italiani

«Dopo il successo del 2016, anno nazionale dei cammini – ha dichiarato il ministro Franceschini – e del 2017, anno nazionale dei borghi, il 2018 sarà l’anno del cibo italiano. Un’occasione importante per valorizzare e mettere a sistema le tante e straordinarie eccellenze e fare un grande investimento per l’immagine del nostro Paese nel mondo».  Fare cultura e promuovere l’Italia attraverso il cibo e le tradizioni enogastronomiche italiane è possibile, e la prima iniziativa dell’anno del cibo italiano parte proprio dal Ministero dei beni culturali con la campagna social legata ai musei. 

L’invito è sempre lo stesso: visitare gli oltre 420 musei e luoghi della cultura italiani alla ricerca del tema del mese, da fotografare e condividere sui social network. Il tema di gennaio 2018 è ovviamente #annodelciboitaliano. 

 

AL VIA MANIFESTAZIONI, INIZIATIVE ED EVENTI 

L’anno del cibo italiano sarà caratterizzato quindi da un susseguirsi di iniziative ed eventi volti a promuovere e valorizzare questo patrimonio che, come sostiene Martina, è unico al mondo e che, nonostante i successi economici che nel 2017 hanno registrato il record di 40 miliardi di euro di export, ha ancora ampio margine di crescita.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.