Silvelox, all’Inferno e ritorno. Renzini: rinascere si può. Ma serve qualità

Stefano-Renzini-Silvelox

Bussare alle porte dell’Inferno, dare un’occhiata e capire che non è il posto giusto. Silvelox sa bene cosa significhi sprofondare. E rinascere. In una manciata di mesi. Quest’azienda trentina da quasi 60 anni produce porte da garage e d’ingresso dedicate alla fascia alta della clientela.

 

PRIME DIFFICOLTÀ CON L’INIZIO DELLA CRISI ECONOMICA

Tutto ha funzionato a lungo alla grande, poi di colpo la crisi nel 2010. Sei anni di agonia che conducono all’inevitabile fallimento. Nonostante ci siano ancora tutte le potenzialità per affrontare il mercato; e non da semplici comprimari. «Quando c’è stato il boom edilizio le aziende del settore hanno prosperato ma non sono riuscite a strutturarsi adeguatamente. Le banche suggerivano acquisizioni in serie. E purtroppo in questo campo è poco sviluppata la cultura del controllo dei costi, c’è uno scarso livello di managerialità. Un problema che riguarda tra l’altro tutta la pmi italiana. Così, quando il mercato improvvisamente si è ristretto e le banche hanno cominciato a tagliare le linee di credito, i costi sono andati fuori controllo».

 

L’ERRORE DI RINUNCIARE ALLA QUALITÀ PER RIDURRE I COSTI

Chi racconta a Bimag i momenti di più cupi di Silvelox è Stefano Renzini, il manager-imprenditore che ha contribuito a salvare questa azienda e ora la sta rilanciando in grande stile dopo averla fatta ripartire da zero. «Silvelox è andata in crisi anche perché ha ridotto i suoi abituali livelli qualitativi per tentare di ridurre i costi. E in questo modo ha perso buona parte del suo appeal sul mercato. Un esempio? Oggi tutti i prodotti sono calibrati e controllati al 100 per cento. Ciò significa che vengono montati, calibrati, smontati e spediti. Prima venivano solo imballati e spediti».

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 123

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.