Silvelox, all’Inferno e ritorno. Renzini: rinascere si può. Ma serve qualità

 

ORA SI PUNTA AL MERCATO USA (SENZA PAURA DELLE CLASS ACTION)
silvelox

Lo stand Silvelox al Made Expo, la grande esposizione che si è tenuta all’interno dei padiglioni di Fiera Milano

Posizionarsi sempre un passo avanti e puntare tutto sulla qualità. «Per noi è stato così. Dovevamo riconquistare credibilità sul mercato. E in un anno e mezzo ci siamo riusciti. Mettendo le basi per caricare lo slancio che ci consentirà di affrontare i mercati internazionali con una consapevolezza diversa. Siamo ripartiti dall’Italia ma il secondo step è proprio la crescita sui mercati internazionali. Siamo ormai vicini al progetto di apertura di una filiale americana. Crediamo molto nel mercato Usa, le sue potenzialità sono enormi. Una scelta supportata dalla consapevolezza di avere un ottimo prodotto dal punto di vista qualitativo. E d’altra parte il mercato americano non perdona: la qualità gioca un ruolo fondamentale. Precipitare in una class action è questione di un attimo».

Al momento le vendite concluse all’interno dei confini nazionali rappresentano il 75 per cento del totale, contro il 25 per cento realizzato all’estero: «Il sogno è invertire questa percentuale, continuando al contempo sul nostro percorso di crescita. Nei primi due mesi dell’anno – ci tiene a far notare Renzini – il fatturato è aumentato del 40 per cento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso».

 

SI TORNA ANCHE AD ASSUMERE: 30 NUOVI INGRESSI ENTRO UN ANNO

Anche dal punto di vista dell’occupazione, la situazione si fa via via più rosea. «Il capitale umano era e rimane uno degli asset fondamentali all’interno di questa operazione di acquisizione. Abbiamo provveduto a riassumere quasi tutti i dipendenti. Attualmente il numero di dipendenti è intorno alla sessantina, ma contiamo di arrivare a novanta entro un anno».

gianmarco.gallizzi@bimag.it

TORNA INDIETRO  >

Pagine: 123

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.