Spaghetti express sui Frecciarossa: la pasta è servita a 300 km all’ora

pasta-frecciarossa-made-italy

Non più solo cibi precotti o confezionati. Sui treni Frecciarossa arriva uno dei piatti simbolo dell’italianità per eccellenza, la pasta.

 

SPAGHETTI EXPRESS SUI FRECCIAROSSA

Prendi due simboli del Made in Italy, la pasta e il treno che percorre l’Italia ad alta velocità e la pasta è servita a 300 chilometri orari. Il menù Frecciarossa prevede un primo piatto di pasta e include anche un piatto di formaggi regionali selezionati, una macedonia di frutta fresca, acqua e caffè al costo di 20 euro. Il nuovo menù interessa i Frecciarossa ETR 500 (tra andata e ritorno, sono 23 tratte da nord a sud tra cui Napoli, Roma, Firenze e Milano).

 

 

PASTA SERVITA A 300 KM ALL’ORA

Spaghetti express sui Frecciarossa: la pasta è servita a 300 km all’ora

Sui Frecciarossa la pasta è servita a 300 km all’ora

«L’idea ci è venuta proprio dalle esigenze dei passeggeri – commenta Orazio Iacono, amministratore delegato di Trenitalia – di trovare anche a bordo un piatto di pasta cucinato espresso, in grado di soddisfare il gusto e far mangiare bene. In due mesi siamo passati dalla teoria alla pratica, formando il personale di Itinere (la società che gestisce la ristorazione a bordo delle Frecce) e riscoprendo la grande tradizione italiana della pasta. In sei anni di competitività spinta abbiamo messo al centro dei nostri progetti il cliente per questo abbiamo fatto dei focus group, un grande ascolto dei nostri passeggeri, da cui è emersa la necessità di farli mangiare meglio sui nostri treni. Abbiamo pensato di riportare a bordo dell’alta velocità semplicità e tradizione per sentirsi in treno come in famiglia e anche un po’ come a casa con alimenti genuini, perché teniamo alla loro salute e questo menù ne è l’esempio con la pasta espressa simbolo dell’italianità».

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.