Starbucks, 300 store. E cambia il look a Milano: palme in piazza Duomo

Palme-Piazza-Duomo-Milano

«Puntiamo ad aprire 200 o 300 punti vendita in tutta Italia: pensiamo che nel mercato possa starci». Parola di Antonio Percassi, l’imprenditore bergamasco patron dello sbarco nella penisola di Starbucks.

 
STARBUCKS, FINO A 300 APERTURE IN ITALIA

Starbucks, 300 aperture in Italia (Milano slitta a giugno 2018. Poi Roma)

Obiettivo ambizioso, dunque, quello di Percassi (che ha collaborato anche all’apertura del Lego store in piazza Duomo a Milano): aprire fino a 300 punti vendita Starbucks in Italia nel giro di cinque o sei anni. A fare da apripista è Milano, con il primo punto vendita in piazza Cordusio, nell’ex palazzo delle Poste.

«Apriremo il prossimo anno, nel 2018 dopo giugno – spiega Percassi – perché stiamo facendo una cosa importante. Dopo una settimana dall’inaugurazione, dovrebbero aprire altri quattro o cinque punti vendita tra Roma e Milano. Saranno i primi ad essere aperti ma noi puntiamo su un buono sviluppo, con l’obiettivo di aprire in tutta Italia nell’arco di tempo di cinque sei anni. Se il mercato risponderà bene».

 

SLITTA L’APERTURA DI MILANO: GIUGNO 2018

Prima Milano. Dopo poco Roma. A cascata, poi, altre città italiane. Solo il tempo, dunque, saprà dire se la caffetteria fondata a Seattle oltre quarant’anni fa sarà in grado di conquistare i palati degli italiani, per i quali il caffè, si sa, è quasi un rito sacro. Vista l’attesa per l’apertura dello store della sirena verde nel salotto buono di Milano le probabilità sono tutte a favore di Starbucks.

 

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Bimag QUOTES

1 / 20
2 / 20
3 / 20
4 / 20
5 / 20
6 / 20
7 / 20
8 / 20
9 / 20
10 / 20
11 / 20
12 / 20
13 / 20
14 / 20
15 / 20
16 / 20
17 / 20
18 / 20
19 / 20
20 / 20

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.