Tale padre (Michele), tale figlio (Giovanni). Ferrero cresce in Usa

giovanni-ferrero-nutella-usa-fanny-may-cioccolato

Tale padre (Michele), tale figlio (Giovanni). Ferrero cresce in Usa. L’impresa familiare fondata 70 anni fa ad Alba, in Piemonte, è oggi la terza al mondo tra le multinazionali del settore dolciario del cioccolato.

 

TALE PADRE, TALE FIGLIO: FERRERO CRESCE IN USA

Tale padre (Michele), tale figlio (Giovanni). Ferrero crescere in Usa

Tale padre (Michele), tale figlio (Giovanni). Ferrero crescere in Usa e acquista Fannie May

L’eredità imprenditoriale del padre della Nutella è portata avanti da Giovanni, che fa il grande salto oltreoceano. Oggi Ferrero fa shopping negli Usa: l’azienda dolciaria acquista da 1-800-Flowers.com (retailer americano di fiori e cibo gourmet quotato al Nasdaq) la Fannie May Confections Brand, produttore statunitense (fondata a Chicago nel 1920) di cioccolato premium dei marchi Fannie May e Harry London. Il corrispettivo per l’acquisizione si aggira intorno ai 115 milioni di dollari.

L’acquisizione comprende lo stabilimento produttivo in Ohio e i centri di distribuzione in Ohio e Illinois, oltre ai marchi Fannie May e Harry London, quest’ultimo specializzato nella pralineria. Una volta perfezionato l’accordo (la chiusura della transazione è prevista per la fine di maggio) Fannie May continua a operare come entità e marchio autonomi all’interno del gruppo Ferrero: sono mantenuti gli uffici statunitensi e le strutture di assemblaggio e packaging in New Jersey. Si tratta di un accordo strategico di partnership commerciale, con l’obiettivo di includere una sezione di prodotti Ferrero e Fannie May nei cesti regalo e nei siti ecommerce di 1-800-Flowers.com.

 

FERRERO ACQUISTA FANNIE MAY

Tale padre (Michele), tale figlio (Giovanni). Ferrero crescere in Usa

Giovanni Ferrero, amministratore delegato dell’azienda

«Gli Stati Uniti – dichiara Giovanni Ferrero, ceo del gruppo – rappresentano un importante mercato con un grande potenziale di crescita per Ferrero. Fannie May ha un vissuto strategico e culturale molto coerente con noi e siamo lieti che le sue persone di valore, il suo marchio premium e i suoi prodotti di qualità entrino a far parte del nostro gruppo. Siamo entusiasti dell’opportunità di supportare lo sviluppo di una grande marca americana, mentre accresciamo la nostra presenza in questo mercato».

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.