Trump non frena l’ecommerce: italiani acquistano online il Made in Usa

trump-protezionismo-italia-ecommerce-usa-cina-idealo

La politica di Donald Trump non frena l’ecommerce. America batte Cina: in fatto di acquisti online, gli italiani sono attratti sempre di più da prodotti che arrivano dagli States. Nel 2017 l’interesse per soluzioni Made in Usa è stato il 30,91% in più rispetto a quello per le produzioni cinesi. Lo rivela idealo, portale internazionale per la comparazione prezzi dei prodotti acquistabili online, in un’istantanea delle intenzioni di acquisto degli econsumer, europei e italiani, del settore tecnologico in generale dal 2016 a oggi.

 

ECOMMERCE, AMERICA BATTE CINA

Per quanto riguarda gli smartphone, il popolo dei consumatori digitali sembra spaccato in due. Se gli utenti europei manifestano un interesse del 23,5% verso i brand cinesi e del 23,1% verso quelli americani, in Italia siamo decisamente più schierati: America batte Cina con il 30% dell’interesse contro il 26,1%. In particolare, l’interesse degli utenti della Penisola è aumentato, dal 2016 al 2017, del 144% verso marchi statunitensi e solo del 53,9% verso quelli cinesi, a riprova di una certa diffidenza che ancora sembra esistere verso prodotti di quella provenienza o di una minor incidenza delle loro produzioni.

 

SMARTWATCH A STELLE E STRISCE

Trump non frena l’ecommerce: gli italiani acquistano online il Made in Usa

Gli italiani acquistano online il Made in Usa

Per quanto riguarda i tablet, la tendenza dell’interesse all’acquisto degli utenti è orientata,da un lato, verso l’America o la Cina, dall’altro, verso la Corea del Sud.

Per i paesi europei le percentuali sono per il 41,9% a favore di prodotti americani (in aumento quasi del 30% rispetto allo scorso anno), del 18,9% a favore di prodotti cinesi (con un +19% rispetto allo scorso anno) e del 27,9% a favore di prodotti coreani. In Italia, invece, le scelte di bandiera si equivalgono: filoamericane per il 30,1% (+160,2% rispetto al 2016), filocinesi per il 30% (+101,5% rispetto al 2016), la Corea con una fetta del 21,7% delle preferenze. Due categorie di prodotto segnalano, in particolar modo, una notevole attenzione degli econsumer per tutto ciò che viene dagli Usa: si tratta di smartwatch e cuffie. In Italia ci si interessa a brand con questa provenienza per il 20,9%. La curiosità degli utenti verso queste soluzioni, nell’ultimo anno, è aumentata nella Penisola ben del 235,1%. Nel caso delle cuffie lo schieramento dei consumatori è ancora più netto: gli italiani si informano su cuffie americane per il 59,6% e gli europei per il 52,3% del totale (con interesse in aumento nell’ultimo anno di oltre il 400%).

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.