Tre italiani a New York aprono la prima Avocaderia al mondo

Il frutto viene dal Messico, l’idea è tutta italiana, il locale invece è a New York e promette di diventare uno dei più frequentati della grande Mela. Ma niente mele da loro: solo avocado, il frutto del momento. Ebbene: lunedì 10 aprile a New York apre il primo avocado bar del mondo, per mano di tre ragazzi italiani. Si chiamano Alberto Gramini, Alessandro Biggi e Francesco Brachetti, due cugini di Firenze e un amico di Reggio Emilia. Il locale non è ancora aperto e già sui social c’è fermento: l’Avocaderia promette benissimo. Al punto che i ragazzi sono stati intervistati dal New York Times.

TUTTI PAZZI PER L’AVOCADERIA: GIA’ 16MILA FOLLOWERS
Uno dei toast dell'Avocaderia, che apre il 10 aprile a New York

Uno dei toast dell’Avocaderia, che apre il 10 aprile a New York

All’Avocaderia – così hanno chiamato il loro bar nella Food Hall della Industry City, a Sunset Park, cioè Brooklyn – tutto sarà a base di avocado: succhi, insalate, panini, piatti. Sulla loro pagina Instagram seguita da quasi 16mila persone (e ancora il bar non è aperto!) hanno già pubblicato il menù temporaneo della prima settimana: i prezzi non superano i 12 dollari e le ricette, con “Avo mash” e guacamole ovunque, soddisfano soprattutto i palati vegetariani e vegani.

 

AVOCADO DAL MESSICO, CERVELLI ITALIANI
Alberto Gramini, Alessandro Biggi e Francesco Brachetti, i tre ideatori dell'Avocaderia

Alberto Gramini, Alessandro Biggi e Francesco Brachetti, i tre ideatori dell’Avocaderia

Al Nyt il fiorentino Francesco Brachetti ha raccontato di essersi innamorato dell’avocado quando viveva in Messico. «Li mangiavo ogni giorno, sono buoni e sani». Così ha convinto il cugino e un amico a mettersi in società. Ed è nata l’Avocaderia, che si fa mandare i frutti da una cooperativa nello stato del Michoacán.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.