Droni postino con Amazon. E se in Italia li usasse il food delivery?

Droni postino per consegnare pacchi. Solo tre anni fa, l’idea poteva sembrare un’utopia. Una di quelle notizie a metà tra il fantastico e il visionario che ogni tanto si affacciano nel grande mercato della tecnologia. Poi, però, è arrivata Amazon.

Con Prime Air, il colosso dell’ecommerce punta effettuare consegne coi droni in tempi record. E se fino a oggi il progetto era rimasto sulla carta, pochi giorni fa è partito davvero. Per aria. Un cliente inglese, residente nella campagna vicino a Cambridge, ha ricevuto una busta di pop-corn e un Amazon Fire TV media player.

 

I DRONI POSTINO: NON SOLO AMAZON, ANCHE GOOGLE E WAL-MART
Amazon Prime Air, il programma per la consegna coi droni postino

Amazon Prime Air, il programma coi droni

Nel video qui sopra, che ha come testimonial il volto della Bbc Jeremy Clarkson, celebre per il programma Top Gear, Amazon mostra uno dei prototipi che sta testando. In grado di consegnare pacchi che pesano fino a 2,3 chili, può volare fino a 122 metri di altitudine. Sfruttando una tecnologia per evitare collisioni con altri velivoli e per operare in sicurezza.

La compagnia di Seattle è in attesa dell’ok definitivo delle autorità. Le implicazioni per la sicurezza (civile e militare) sono infatti molteplici. E Amazon, inutile dirlo, non è la sola a voler sfruttare questa tecnologia. Anche Google si prepara a far partire i suoi velivoli autonomi e la catena della GDO Wal-Mart ha da poco chiesto alla Federal Aviation Administration americana il permesso di usare i droni.

 

E SE I DRONI POSTINO FOSSERO USATI PER IL FOOD DELIVERY IN ITALIA?

C’è però un settore che risulta ancora abbastanza inesplorato: quello del food delivery. Il cibo acquistato tramite app e consegnato a domicilio. Un fenomeno che in Italia è in costante crescita e che ha margini di sviluppo mostruosi. Se il giro d’affari è oggi pari a circa 400 milioni di euro, la previsione è che nel giro di tre anni possa toccare quota 9 miliardi.

Un fenomeno che, in Italia, è diffuso principalmente nelle grandi città come Milano, Roma e Torino. I grandi player del settore, da Just Eat a Foodora, studiano soluzioni per ottimizzare tempi, costi e soddisfazione dei clienti. Le bici e gli scooter che sfrecciano per le strade cittadine sono sicuramente un mezzo portentoso. Ma un drone, per le consegne più urgenti o per le “emergenze”, potrebbe essere una rivoluzione.

@BusinessPmi

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.