Eurovision torna apolitico? Gabbani può compiere l’impresa per l’Italia

Francesco Gabbani e la sua Occidentali’s Karma potrebbe compiere l’impresa facendo vincere l’Italia. Sarà lui, infatti, a rappresentare la canzone melodica italiana all’Eurovision Song Contest, il festival di Sanremo in formato europeo in programma da oggi al 13 maggio 2017.

La conditio sine qua non? La virata apolitica della manifestazione che l’anno scorso vide la vittoria dell’Ucraina con la canzone 1944 dedicata alla deportazione dei tartari di Crimea ai tempi di Stalin e interpretata dalla cantante Jamala.

 

62ESIMO EUROVISION SENZA RUSSIA

Le premesse ci sono tutte. La politica, infatti, ha già acceso e spento i riflettori dopo la scelta della Russia di non partecipare. Alla cantante Yulia Samoilova è stato vietato l’ingresso in Ucraina dove si svolgerà la sessantaduesima edizione dell’evento: immediata la reazione russa, con l’addio all’Eurovision Song Contest dopo 17 anni di presenza.

 

GABBANI SUL PALCO DI KIEV CON LA RAI

L’assenza del candidato russo lascia liberi i voti dell’ex blocco sovietico. Ne potrebbe beneficiare il cantante toscano, dato per favorito, vincitore del sessantasettesimo festival di Sanremo.

Sul palco ci sarà Gabbani con la sua carica pop: «Non so ancora se faremo lo stesso balletto o qualcosa di nuovo – ha spiegato a Sorrisi e Canzoni Tv –, né ho deciso se inseriremo dei brevi testi in inglese per rendere la canzone più internazionale. Una cosa è certa: il gorilla non viaggerà nella stiva». In caso di vittoria ci sarà – per la finale del 13 maggio – anche la Rai.

@filippo_poletti

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.