GeoUniq è la startup italiana nel mega incubatore di Parigi

GeoUniq

GeoUniq è stata la prima. La prima startup italiana a entrare a Station F, il nuovo ed enorme acceleratore per startup inaugurato da poco a Parigi. Una realtà italiana dal respiro internazionale che cerca di agganciare quella che si annuncia come una grande avventura di imprenditorialità.

Ma che cos’è GeoUniq? È specializzata nel B2B. Permette agli sviluppatori di inserire velocemente e facilmente le funzioni di geolocalizzazioni nelle loro app. Riducendo clamorosamente, promettono i fondatori, tempi e complessità delle operazioni.

 

GEOUNIQ E LA RIVOLUZIONE NEL CAMPO DELLA “OOH”

Il corner GeoUniq a Parigi

Il corner GeoUniq a Parigi

Una tecnologia avanzatissima, come si può vedere anche in maniera grafica dal video qui sopra. E la startup ha anche una strategia precisa: la maggior parte delle funzionalità sono date gratuitamente agli sviluppatori. In cambio GeoUniq chiede di usare dati di localizzazione anonimi.

Questo tipi di analisi rivoluzionerà l’industria della pubblicità “fuori casa” (OOH), cioè quando gli utenti sono in giro e in luoghi pubblici. Magari in attesa di autobus, treni e metropolitane.

Non è un caso che molte grandi aziende specializzate in questo tipo di comunicazione abbiano già guardato con interesse a questa innovazione. Una vera rivoluzione che promette di ridurre i tempi di sviluppo dei tool di geolocalizzazione mobile in maniera drastica. «Da due mesi a un paio di giorni», dicono.

 

STARTUP, L’ABISSO TRA FRANCIA E ITALIA

La sede principale della startup è a Pisa, in Toscana. Ma l’occasione ghiottissima di essere stati ammessi in uno dei posti più cool del pianeta per il settore dell’innovazione non ce la si poteva far sfuggire. 

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.