Forza Melegatti! Finalmente iniziata la produzione natalizia

Melegatti era in crisi. I lavoratori non prendevano lo stipendio da due mesi e la produzione si era bloccata. Sembrava dover crollare tutto fino a quando Luca Quagini non ha orchestrato l’operazione di salvataggio ed è ora direttore generale. 

Lui è un ingegnere gestionale di 52 anni e fondatore della società di consulenza Sdg Group e ha raccolto attorno a sé diversi attori finanziari che hanno pompato liquidità fresca (6 milioni di euro circa) per far ripartire lo storico stabilimento di San Giovanni Lupatoto, vicino a Verona.

Il 22 novembre, comunque andrà a finire la vicenda di questo storico marchio dell’industria alimentare italiana, è una data da non dimenticare. Sono stati infatti prodotti i primi pandori e i primi panettoni dopo le settimane di battaglie fra soci e blocco dei macchinari.

 

MELEGATTI DALL’EPOCA D’ORO AI PROBLEMI DI OGGI

Il pandoro fu inventato da Melegatti nel 1894

Il pandoro fu inventato da Melegatti nel 1894

No, non ci siamo sbagliati. Lo spot che avete visto qui sopra è del 1986 e la protagonista è la mitica Franca Valeri, oggi 97enne e all’epoca ancora personaggio di primo livello della tv italiana.

In quell’epoca Melegatti era uno dei marchi dominatori del mercato, conosciuto in tutta Italia e all’estero.

Il pandoro fu inventato proprio dal fondatore del brand, Domenico Melegatti, nel 1894.

Da allora la ditta si è espansa sul mercato ma dopo gli anni di gloria sono cominciati problemi e guai. Di natura proprietaria e industriale.

 

 

QUESTO POTREBBE ESSERE UN NUOVO INIZIO

Il passato però è passato e l’operazione di Quagini e della cordata non è solo un atto di generosità. Anzi.

Perdere la produzione di Natale, che per chi fa pandori e panettoni, va da sé, avrebbe significato dire addio al grosso del fatturato. E quindi chiudere i battenti.

Far ripartire le linee di produzione è non solo una scommessa ma anche un investimento. Credere in un’impresa storica, dal passato glorioso ma dal presente turbolento, e cercare di traghettarla nel futuro.

La redazione di BiMag fa il suo più sincero augurio a tutte le componenti dell’azienda per una produzione abbondante e senza intoppi. E per una commercializzazione ancor più soddisfacente.

@BusinessPmi

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.