Spot Condorelli, torroncini con la Sicilia nel cuore

Torroncini Condorelli, “è sempre un piacere”. Da moltissimo tempo, ormai, lo slogan pubblicitario legato alle dolci prelibatezze siciliane alla mandorla è diventato familiare. Con l’imminente arrivo del Natale, anche quest’anno uno dei marchi italiani più noti del settore, Condorelli, lancia un nuovo spot pensato per i canali digitali firmato Serviceplan.

Lo storico marchio catanese non manca l’appuntamento natalizio e torna on air con il suo prodotto simbolo: il torroncino. Una storia che affonda le radici nel lontano 1933, quando l’allora giovanissimo cavalier Francesco Condorelli, compianto padre fondatore scomparso nel 2003, aprì nel suo paese natio, Belpasso, una piccola pasticceria specializzata nella produzione di dolci alla mandorla.

 

 

LO SPOT SUI TORRONCINI CONDORELLI FIRMATO DA SERVICEPLAN
I torroncini Condorelli hanno la Sicilia nel cuore

I torroncini Condorelli hanno la Sicilia nel cuore

Serviceplan celebra il torroncino con un omaggio alla varietà e all’iconografia di un prodotto ormai inconfondibile. Proprio il torroncino è l’assoluto protagonista dello spot. In tutte le sue varianti, non ne basta uno: sono infatti uno e poi subito centomila in un’esplosione di colore e di gusto.

Tutto parla di Sicilia, dal prodotto, passando per la citazione pirandelliana e anche dalla musica, composta e interpretata con strumenti tipicamente siciliani. «Condorelli è un marchio storico, molte campagne sono sedimentate nel ricordo dei consumatori; fare qualcosa di nuovo, che allo stesso tempo mantenesse i tratti distintivi del brand, è una sfida che abbiamo raccolto con entusiasmo», afferma Oliver Palmer, direttore creativo esecutivo di Serviceplan.

 

 CONDORELLI E IL LEGAME TRA TERRITORIO E TRADIZIONE

Il legame con questo territorio alle pendici dell’Etna del compianto fondatore e ancora oggi dell’azienda è viscerale. Nonostante la crescita costante dell’azienda, esplosa con gli invenzione dei torroncini negli anni Settanta, il Cavaliere non ha mai voluto lasciare Belpasso.

Una storia esemplare di imprenditorialità italiana, di attaccamento quasi morboso al territorio e di infinita passione personale. Una storia che al tempo della globalizzazione sfrenata, in cui l’export è giustamente considerato condizione irrinunciabile per il successo di un’impresa di grandi dimensioni, mostra come, forse, il primo passo per andare in mercati e territori lontani è non dimenticare mai chi si è e da dove si proviene.

@BusinessPmi

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.