Una card per avere vestiti e biancheria, l’usato solidale di Equanima

Gli armadi pieni di capi d’abbigliamento che non si mettono più sono presenti in tantissime case, ma ci sono persone, e sono purtroppo in aumento, che accetterebbero con gioia quel surplus di vestiti presenti. Rendere utile al prossimo ciò che giace inutilizzato nelle case è la mission di Equanima, associazione barese nata nel 2010 che, con l’appoggio delle parrocchie della zona, porta avanti da anni il banco di abbigliamento solidale.

 

IL BANCO DI ABBIGLIAMENTO SOLIDALE 
abbigliamento usato solidale equanima

I cassonetti per la raccolta dell’usato

Il banco di abbigliamento solidale è un progetto che coinvolge le parrocchie della diocesi di Bari – Bitonto che per anni si sono dedicate alla raccolta e alla distribuzione di abiti e accessori dismessi ma che, non riuscendo più a gestire singolarmente la cosa, hanno deciso di unire le forze per un progetto comunitario. Così è partita Equanima, con i primi cassonetti presenti nelle parrocchie aderenti all’inziativa, ora in giro per la diocesi ce ne sono ben 52, e con la raccolta di abiti, biancheria, accessori e oggetti per educare le persone alla cultura del dono, della sobrietà e del riciclo e per riuscire a fare del bene.

 

IL NEGOZIO E LA CARD 

Equanima provvede alla raccolta di ciò che viene donato e allo smistamento. Ciò che è in buone condizioni è pronto per una seconda vita e per essere portato in quello che è un vero e proprio negozio. E come ogni negozio che si rispetti, i capi hanno un costo. I 5500 iscritti al database dell’associazione possono avere ciò di cui hanno bisogno utilizzando una card da 200 equ, moneta virtuale con la quale vengono prezzati i capi di abbigliamento, la biancheria, gli accessori. Un modo per educare anche chi ha bisogno a dare un valore a ciò che riceve e per riuscire ad accontentare più persone possibili, razionalizzando la distribuzione. 

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.