Vesuvio a rischio eruzione secondo Nature. I soldi per i carotaggi però scarseggiano

vesuvio

Il Vesuvio potrebbe essere vicino a un’eruzione. E a dirlo non è qualche rivista a caccia di titoli enfatici ma l’autorevole Nature, una delle maggiori e più antiche riviste scientifiche esistenti.

 

SECONDO STUDIO ITALO-INGLESE IL VESUVIO È SOTTO STRESS

Progressive approach to eruption at campi Flegrei caldera in southern Italy è il titolo della studio subito ripreso dalla sezione scientifica del Financial Times. Alla ricerca hanno partecipato specialisti del settore italiani e inglesi e le conclusioni a cui sono giunti non sono per nulla rassicuranti.

Il lavoro ha preso in esame la deformazione del suolo causata dalla risalita di magma e gas e i suoi possibili effetti sulla crosta terrestre. In particolare sono stati studiati i tre maggiori episodi di bradisismo registrati negli ultimi 60 anni.

 

CAMPI FLEGREI TRA LE CALDERE PIÙ PERICOLOSE AL MONDO
vesuvio-eruzione

Una possibile eruzione del Vesuvio rischierebbe di avere conseguenze devastanti. I Campi flegrei sono una caldera molto popolata

Con le dovute semplificazioni, pare che l’energia accumulata in questi tre momenti particolari non si sia dispersa, creando le premesse alla possibilità che nella zona si stiano configurando condizioni favorevoli a un’eruzione.

Come per i terremoti, non è dato sapere se e quando ciò succederà, ma ovviamente la situazione va gestita con particolare cautela. Non bisogna dimenticare che si tratta di una delle caldere potenzialmente più pericolose al mondo a causa dell’alta densità di popolazione che vive nella zona.

 

PER EFFETTUARE CONTROLLI ACCURATI SONO NECESSARI I CAROTAGGI

E a far sorgere qualche perplessità sulla sicurezza dei controlli che dovrebbero essere effettuati sistematicamente è un’intervista rilasciata da Stefano Carlino, vulcanologo dell’Osservatorio vesuviano, al Corriere del Mezzogiorno.

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.