Welfare aziendale: un’occasione per attrarre talento o scappatoia fiscale?

Ciò accade perchè il welfare aziendale è ancora visto come un surrogato degli aumenti salariali, soprattutto da parte di quella fetta di lavoratori che deve far quadrare i conti a fine mese. Per poter realmente attrarre talenti e contribuire a migliorare clima e produttività, il welfare non può essere visto solo come un modo per sostituire l’aumento di reddito perchè agevolato dal punto di vista fiscale. Il rischio che possa paradossalmente favorire di più i lavoratori con redditi più altri rispetto a quelli con maggiori esigenze è forte se non lo si concepisce come integrazione ai redditi e non come sostitutivo. 

@ludabis

 

 

 

TORNA INDIETRO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.