Bulgari a Valenza con la più grande manifattura d’Europa: 300 assunzioni

Per il progetto l’azienda piemontese del gruppo francese Lvmh ha investito alcune decine di milioni. Bulgari, dunque, lancia la sfida a Cartier e punta a essere il numero uno nel settore gioielli: «Vogliamo crescere ancora. Siamo secondi al mondo per i gioielli e vogliamo diventare primi» commenta l’amministratore delegato.

 

 

300 POSTI DI LAVORO ENTRO IL 2020

Entro il 2020, 300 nuovi posti di lavoro si aggiungono ai 400 esistenti. «Oggi il sogno è una realtà di 14mila metri quadrati di laboratori orafi unici al mondo – dichiara Babin al quotidiano di via Solferino – che deve essere alimentata da idee ed energie nuove: abbiamo quindi bisogno di persone nuove. In Bulgari cerchiamo giovani dalle mani intelligenti che sappiano non solo amare, ma pure proiettare nel futuro un mestiere che è fatto di pazienza e dedizione e anche di creatività e di passione. Contiamo su di voi, sulla vostra visione e umanità per dare voce e dignità a uno dei più antichi e nobili mestieri italiani, dalla cui eccellenza sono dipese le fortune di regni e dinastie. Perché un orafo è un artista contemporaneo: una persona che usa una tecnica antica per proporre soluzioni nuove».

@82valentinas

TORNA INDIETRO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.