Dai big data ai fast data: il business si fa in real time e streaming

big-data-fast-data-digital-transformation

La digital transformation passa per i fast data. La nuova frontiera del business aziendale, infatti, sta nell’elaborazione dei dati in real time e nei sistemi di analytics predittivi. Come passare dai big data ai fast data? BiMag ne ha parlato con Leo Pillon, ceo di Radicalbit, azienda che ha progettato due nuovi prodotti entrambi basati sulle più recenti tecnologie e architetture in streaming: una piattaforma per la generazione di analytics predittivi in real time e un database sviluppato attorno al concetto di streaming.

 

Dai big data ai fast data: non esiste business senza l’elaborazione dati in real time?

Dai big data ai fast data: il business si fa in real time e streaming

Leo Pillon, ceo di Radicalbit

«Qualunque business può trarre beneficio da un uso intelligente dei dati. Questo è più evidente in quei settori nei quali sono coinvolti i consumatori finali. La capacità di anticipare un bisogno o di leggere correttamente un trend può fare la differenza in settori particolarmente competitivi. La dimensione temporale (intesa come intervallo di tempo che passa dall’accadimento dell’evento che ha originato il dato alla sua elaborazione) è altrettanto cruciale. Le elaborazioni su dati storici non perdono importanza, è sempre fondamentale che le aziende siano in grado di elaborare i propri dati storici e di applicarvi modelli interpretativi evoluti. I nuovi approcci tecnologici, come quello legato ai fast data, forniscono nuove opportunità, in grado di ridurre il time to market o di fornire informazioni finora inaccessibili perché intrinsecamente legate alla validità transitoria del dato (come la posizione di una persona in un determinato istante o una transazione finanziaria)».

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 123

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.