Dottori in Ferrari e Ducati: in Emilia cade il muro scuola-lavoro

ferrari-ducati-lamborghini-muner-accademia-automotive

Dottori in Ferrari, Ducati, Maserati o Lamborghini. In Emilia Romagna crolla il muro scuola-lavoro. Le quattro università e le otto case automobilistiche emiliano-romagnole si uniscono insieme per creare l’accademia dell’automotive. Si tratta di un progetto in grado di fare della regione un vero e proprio hub della formazione di eccellenza a livello internazionale nel settore dell’automotive.

 

NASCE L’ACCADEMIA DELL’AUTOMOTIVE

Dottori in Ferrari e Ducati. Cade in Emilia il muro scuola-lavoro

Dottori in Ferrari e Ducati: nasce accademia dell’automotive

L’automotive, dunque, ha la sua università. Si chiama Muner (Motorvehicle university of Emilia Romagna) e prevede due corsi di laurea entrambi in inglese (a partire dall’anno accademico 2017/2018) per formare gli ingegneri automobilistici del domani: il primo in Advanced Automotive Engineering, il secondo in Advanced Automotive Electronic Engineering.

I due corsi di laurea sono entrambi a numero chiuso, per un totale di 150 studenti ammessi all’anno: 120 per Advance Automotive Engineering e 30 per Advance Automotive Electronic Engineering. Per essere ammessi prerequisito necessario è la conoscenza della lingua inglese, livello B2. La selezione dei 150 studenti avviene sulla base della valutazione dei curricula e di un colloquio tecnico.

 

DOTTORI IN FERRARI, DUCATI E LAMBORGHINI

Dottori in Ferrari e Ducati. Cade in Emilia il muro scuola-lavoro

In Emilia crolla il muro scuola-lavoro

L’accademia mondiale dell’automotive è un progetto unico nel panorama italiano ed estero: coinvolge atenei come l’università di Bologna, Parma, Ferrara, Modena e Reggio Emilia, e le case automobilistiche della terra dei motori, come Lamborghini, Dallara, Ducati, Ferrari, Magneti Marelli, Maserati e Toro Rosso.

«Quattro università, tra le più antiche al mondo, e otto case motoristiche leader a livello globale – commenta Il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini – insieme per attrarre ragazzi motivati e di talento. Siamo di fronte a un progetto unico nel panorama nazionale e internazionale. La terra dei motori e la sua straordinaria vocazione a coniugare design industriale, perfezione del prodotto artigianale e frontiera dell’innovazione tecnologica ha deciso di fare sistema».

CONTINUA A LEGGERE QUESTO ARTICOLO  >

Pagine: 12

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.