Fine del tabù a teatro: a Palermo la prima macchinista di scena donna

teatro-massimo-palermo-prima-donna-macchinista-scena

Fine del tabù. Quello che fino a poco tempo era un contesto prevalentemente maschile ha cambiato faccia: il teatro Massimo di Palermo ha assunto la prima macchinista di scena donna.

 

LA PRIMA MACCHINISTA DI SCENA DONNA

Fine del tabù, a Palermo la prima macchinista di scena donna

Marinella Muratore, ha 32 anni, originaria di Assoro

La prima donna (o meglio, una delle poche in Italia) che ricopre questo ruolo nella storia dell’istituzione lirica palermitana.

Si chiama Marinella Muratore, ha 32 anni, è originaria di Assoro (in provincia di Enna). A lei spetta montare le scenografie e farle muovere in scena durante gli spettacoli. «Mi muovo nel ventre del teatro – racconta la giovane a La Repubblica – in un mondo che gli spettatori non vedono. Ma grazie al mio lavoro lo spettacolo esiste. Ed è un’emozione troppo grande per rinunciarci».

 

A PALERMO FINE DEL TABÙ

Fine del tabù, a Palermo la prima macchinista di scena donna

Fine del tabù, a Palermo la prima macchinista di scena donna

La giovane siciliana ha da poco firmato un contratto a tempo determinato con la fondazione teatro Massimo: in totale i nuovi assunti sono 12 (oltre a Marinella, altri 11 colleghi uomini), i prima di una graduatoria di 34 macchinisti di scena idonei.

L’ingresso di Marinella Muratore tra le maestranze del teatro palermitano è una vera rivoluzione a tutti gli effetti: unica donna in una squadra di uomini. È stato perfino necessario realizzare uno spogliatoio e i servizi igenici appositamente per lei.

 

UNA DONNA IN UN MESTIERE DA UOMINI

«Non potevo utilizzare quelli degli uomini – racconta Muratore a La Repubblica – e adesso ne ho uno tutto mio, come anche l’armadietto. Anche per i servizi igienici ne hanno dovuto pensare uno per me. Mi hanno accolto tutti benissimo. E c’è già un grande spirito di collaborazione tra noi colleghi. Certo non è facile, bisogna sempre essere all’altezza, dimostrare di essere forti anche fisicamente. Ma c’è grande entusiasmo e soprattutto gioco sempre quella che per me fino ad ora è stata sempre la mia carta vincente: essere me stessa».

@82valentinas

Bimag QUOTES

1 / 20
2 / 20
3 / 20
4 / 20
5 / 20
6 / 20
7 / 20
8 / 20
9 / 20
10 / 20
11 / 20
12 / 20
13 / 20
14 / 20
15 / 20
16 / 20
17 / 20
18 / 20
19 / 20
20 / 20

Restiamo in contatto

Vuoi essere aggiornato su finanziamenti e opportunità di business in Italia e nel mondo? Iscriviti alle newsletter di BiMag.